Calcio e violenza, 4 daspo in Calabria: batosta per l’allenatore del Roccella Francesco Galati

roccella allenatore galatiSempre alta l’attenzione della Polizia di Stato a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica in occasione delle manifestazioni sportive.

Nei giorni scorsi il Commissariato di P.S. di Siderno ha notificato a Francesco Galati, allenatore della squadra di calcio “A.S. Roccella” il provvedimento, emesso dal Questore di Reggio Calabria, che per due anni non gli permetterà di accedere agli stadi o ad impianti sportivi nei quali sia impegnata a qualsiasi titolo la compagine del Roccella. L’allenatore, durante l’intervallo dell’incontro di calcio del 15 novembre u.s., tra il Roccella ed il Marsala, si è rifiutato di uscire dagli spogliatoi degli arbitri rivolgendosi in modo offensivo ed oltraggioso alle Forze dell’Ordine.

Un altro provvedimento di d.a.spo. per la durata di due anni è stato emesso nei confronti di un dirigente della squadra di calcio “New San Pietro” del comune di San Pietro a Maida (CZ). Il predetto, durante l’incontro disputatosi lo scorso 8 novembre tra la citata squadra e quella del “Vigor Serrata” del comune di Serrata (RC), ha aggredito prima verbalmente e poi fisicamente il direttore di gara il quale si è visto costretto ad interrompere l’incontro.

Infine, sono stati emessi altri due provvedimenti di D.A.SPO., rispettivamente di tre e cinque anni. Il primo nei confronti di un giocatore della “Nuova Gioiese”, per aggressione al giudice di gara durante l’incontro del 24 novembre scorso contro la squadra del “Real Gioia Tauro” ed il secondo nei confronti di un tifoso della squadra di calcio del “Locri” che, durante l’incontro casalingo con la squadra del Caulonia, disputatosi lo scorso 25 ottobre, ha aggredito e minacciato l’allenatore della squadra ospite.