Messina, Faraone ostenta sicurezza: senza Genovese siamo oltre il 30%

Il sottosegretario apprezza Carbone e condanna la tattica di Forza Italia, “condannata all’ininfluenza”

faraoneSenza i genovesiani il Pd ha presso alle europee il 34%. Lo sostiene a chiare lettere Davide Faraone, sottosegretario alla Pubblica Istruzione, contento di poter commentare il passaggio dell’ex sindaco democratico all’area forzista. “Da quando se n’è andato continuiamo ad avere richieste di adesioni e tesseramenti, abbiamo tolto il tappo” ha affermato Faraone col sorriso sornione. In realtà, rispetto ai tempi delle 14mila iscrizioni, al momento il Pd può contare su 3mila militanti, forse dotati di una tessera gold ma pur sempre 11 mila in meno. Il sottosegretario non se ne fa un cruccio e anzi tira  frecciate alla corrente di transfughi, salvando solo Felice Calabrò, già candidato sindaco del Pd, fedele alle sue idee e coerente alla linea del Nazzareno. Parole di apprezzamento sono state espresse per Ernesto Carbone, mentre la tattica di Miccichè, l’arruolamento selvaggio degli esuli anti-renziani, è stata bocciata come controproducente: “sono ininfluenti dal punto di vista elettorale” ha chiosato Farone esprimendo un giudizio sulle truppe forziste.