Torino: sequestrati oltre un milione e mezzo di articoli pericolosi

Individuato sette attività commerciali che vendevano articoli pericolosi per la salute

uardia di finanzaI finanzieri del Comando Provinciale di Torino, al termine di un’attività investigativa volta al contrasto della commercializzazione di prodotti illegali, hanno individuato sette attività commerciali, gestite prevalentemente da imprenditori di etnia cinese, che vendevano prodotti di varia natura, potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori. Le attività, condotte dai Baschi Verdi del Gruppo Torino nel quartiere torinese di Porta Palazzo, hanno consentito di sottoporre a sequestro amministrativo un milione e mezzo tra articoli per la casa, d’abbigliamento, di bigiotteria, di cartolibreria, ferramenta e sartoria. Numerose le violazioni constatate dalle Fiamme Gialle in materia di sicurezza prodotti; numerosi articoli, infatti, sono risultati sprovvisti di istruzioni in lingua italiana ovvero delle indicazioni circa la loro provenienza, tutte informazioni fondamentali per la tutela dell’acquirente. Durante le attività, inoltre, sono stati sequestrati circa cinquecento giocattoli contraffatti ovvero recanti il marchio CE non conforme alla normativa vigente e pronti per essere immessi in commercio in occasione delle imminenti festività natalizie. Gli imprenditori, denunciati alla locale Procura della Repubblica, sono stati anche sanzionati amministrativamente e segnalati alla Camera di Commercio di Torino.

Le attività appena concluse si inseriscono nel quadro della diuturna azione di controllo del territorio, in particolare nei quartieri a più alta densità criminale, intensificata nei giorni scorsi anche in seguito ai recenti episodi terroristici.