Spettacolari nubi lenticolari al tramonto nel messinese [FOTO]

Forti venti in quota hanno generato nubi lenticolari nel messinese

Nubi lenticolari (1)Nelle foto a corredo dell’articolo, scattate da Antonio Formica, da Barcellona Pozzo di Gotto, nel messinese, possiamo ammirare delle nubi lenticolari: di solito questo genere di nubi, dalla forma ellittica o di lente, si sviluppa quando forti venti in quota, che spirano nella media atmosfera (a partire dai 1500-2000 metri), impattano le pareti di una catena montuosa o di un grosso rilievo, generando delle forti turbolenze, o meglio “ondulazioni” (variazioni della componente verticale del flusso eolico), che si propagano alla massa d’aria sovrastante la cima. L’intenso flusso eolico che scorre in quota, una volta incontrata una importante barriera orografica nella sua traiettoria (tipo l‘Appennino o un massiccio montuoso alto più di 2000 metri), è costretto a superare un simile ostacolo originando delle onde d’aria (le turbolenze), simili a quelle marine, con tanto di creste e conche. Queste ondulazioni vengono chiamate anche con il termine di “onde orografiche” (mountain waves) visto che sono causate proprio dall’impatto con il rilievo. In genere la massa d’aria stabile trasportata su un rilievo diventa molto più densa raffreddandosi e sotto l’influenza della gravità tende a sprofondare sottovento alla barriera montuosa oscillando attorno al suo punto di equilibrio. Le nubi prodotte dalle “onde orografiche” assumono questo tipo di forme lenticolari perché quando l’aria sale lungo la cresta tende a dilatarsi e a raffreddarsi, facendo condensare il vapore in minuscole goccioline d’acqua, che danno vita alla nube.