Roccaforte del Greco (Rc), il sindaco: “l’alluvione ha provocato frane sulla SP23″

chorio di san lorenzo alluvione maltempo“Gli avvenimenti meteorologici pesanti dei giorni scorsi anche nel Comune di Roccaforte del Greco hanno provocato diversi smottamenti di costoni montani con riversamento di detriti e frane sulla strada provinciale 23, su quelle comunali ed interpoderali. Si sono verificate così interruzioni del transito veicolare che hanno inibito il passaggio dei mezzi di trasporto causando gravi disagi ai cittadini ed alle aziende agricole esistenti nel territorio. Grazie alla tempestiva azione sinergica instaurata dall’Amministrazione Comunale con la Provincia di Reggio Calabria, con il generoso impegno sul posto del Geom. Scordo, e con la Regione Calabria, tramite gli instancabili dipendenti di Calabria Verde, si sta riuscendo in pochi giorni a recuperare in modo graduale i danni del maltempo”, scrive in una nota il sindaco di Roccaforte Domenico Penna. “Purtroppo rimarranno ancora delle criticità molto serie sulla viabilità, che non nascono oggi, e che per essere risolte hanno necessità di interventi più strutturali. Così – prosegue- come rimane vivo l’allerta sulle abitazioni di Via Puccini, dove sono interessati cinque nuclei familiari che, a causa del maltempo del febbraio 2015, hanno ricevuto dal Commissario Prefettizio il foglio di sgombero e che con gli ultimi eventi la loro situazione si è notevolmente aggravata. E’ verso queste persone che l’attenzione di questa Amministrazione Comunale rimane desta, continuando costantemente la sua azione con gli Enti preposti, soprattutto con la Regione Calabria dove sono stati depositati già da tempo tutti gli adempimenti progettuali, e si è in attesa di ricevere il finanziamento che consentirà una rapida soluzione del problema. Infine -aggiunge- l’Amministrazione Comunale con apposita delibera di Giunta, in data 4 novembre c.a., ha deliberato lo stato di calamità naturale per il Comune di Roccaforte del Greco e sta provvedendo al ripristino e messa in sicurezza delle strade comunali danneggiate dalle avversità atmosferiche, in modo di garantire la normale ripresa delle varie attività agricole e pastorali”, conclude.