Reggio, processo “Crimine 3″: anche Rinaldo Gangeri assolto “per non aver commesso il fatto”

rinaldo gangeriNel luglio del 2011, nell’ambito dell’operazione Crimine 3 le forze dell’ordine eseguivano l’arresto di quaranta persone tra la Calabria, la Sicilia, il Lazio e la Lombardia, tutte ritenute a vario titolo coinvolte in attività di narcotraffico con l’America Latina. In particolare, emergeva il controllo delle cosche sul porto di Gioia Tauro per l’arrivo della droga. Oltre agli arresti, venivano sequestrati ingenti beni. Tra gli arrestati, figurava il signor Rinaldo Gangeri accusato, di fare parte di un’associazione dedita al narcotraffico in special modo nel Porto di Gioia Tauro, dove la droga veniva nascosta all’esterno nei motori frigo dei containers e dentro ai containers contenenti frutta in arrivo dall’Ecuador. Ma tutto avveniva all’insaputa del signor Gangeri, che è stato adesso assolto “per non aver commesso il fatto“, e la sentenza ad oggi è passata in giudicato, con la Procura che non ha fatto appello. Dalla sentenza emessa dal Tribunale di Locri risulta inoltre che proprio il signor Gangeri sistematicamente effettuava delle segnalazioni di arrivo alla Polizia di Frontiera e al Servizio Vigilanza Antifrode di Gioia Tauro.  Dopo l’assoluzione del signor Giuseppe Andrea Grasso, arriva quindi anche quella per Gangeri.