Reggio: maxisequestro di prodotti contraffatti al porto di Gioia Tauro

Una serie di incroci documentali e successivi meticolosi controlli eseguiti presso il porto di Gioia Tauro, hanno consentito l’individuazione di due carichi imbarcati, rispettivamente nel porto cinese di Ningbo e in quello arabo di Jebel Ali

FotoGdfI Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Gioia Tauro, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – S.V.A.D. di Gioia Tauro, hanno individuato due container, provenienti dalle aree orientali (Cina e Emirati Arabi Uniti), contenenti prodotti contraffatti (articoli di cancelleria, ombrelli, spazzole tergicristallo e articoli sportivi delle più note marche Nike, Spiderman, Hello Kitty, Audi, Mercedes, Volkswagen, Barcellona, FIFA, Manchester, Joma, ecc.).
L’operazione, condotta dalla Procura della Repubblica di Palmi, ha consentito, dopo una serie di incroci documentali e successivi meticolosi controlli eseguiti su numerosi container in transito presso il porto di Gioia Tauro, l’individuazione di due carichi imbarcati, rispettivamente nel porto cinese di Ningbo e in quello arabo di Jebel Ali.
La merce, secondo la documentazione doganale esibita, era destinata formalmente in Albania ed in Moldavia e risultava costituita da “articoli di vario genere”. Tuttavia i Finanzieri ed i Funzionari Doganali, nel corso dell’ispezione, si sono ritrovati di fronte un numero considerevole di prodotti che apparivano riportare marchi non veritieri.
Pertanto, si è proceduto ad accertamenti peritali, da parte dei tecnici delle società titolari dei marchi, i quali hanno confermato l’intuizione dei finanzieri e dei funzionari doganali, ossia che i prodotti erano contraffatti.
Complessivamente, sono stati sottoposti a sequestro oltre 4.000 articoli, per un valore complessivo di circa 15.000,00 euro.
Si sottolinea, ancora una volta, l’importanza dell’azione svolta a contrasto del fenomeno dell’illecita commercializzazione di prodotti contraffatti che – in assenza delle condizioni di genuinità previste dalla vigente normativa – sono, potenzialmente dannosi per la salute delle persone.