Reggina Calcio, continua la battaglia per gli incentivi all’esodo: -8 “in caso di iscrizione”, società farà ricorso

Continua la battaglia tra la Procura Federale della FIGC e la Reggina Calcio sulla nota vicenda degli incentivi all’esodo: -8 di penalizzazione alla società che non partecipa ad alcun campionato, “in caso dovesse iscriversi in futuro”

stefano-palazziLa personalissima battaglia del Procuratore Federale Stefano Palazzi contro la Reggina Calcio continua, anche adesso che il club guidato da Lillo Foti non è iscritto ad alcun campionato e non disputa alcun campionato agonistico: la FIGC ha infatti comunicato le decisioni del Tribunale Federale che in primo grado ha penalizzato vari club (uno di serie B, cinque di Lega Pro, uno di serie D e appunto la Reggina Calcio fuori da ogni campionato).

Questo l’elenco completo delle penalizzazioni:

Serie B:

  • Virtus Lanciano -1

Lega Pro:

  • Savona -5 (girone B)
  • Ischia -4 (girone C)
  • Catania -2 (girone C)
  • Benevento -1 (girone C)
  • Martina Franca -1 (girone C)

Serie D:

  • Vigor Lamezia -1 (girone I)

“Da scontarsi nel caso di iscrizione ad un campionato FIGC”:

  • Reggina Calcio -8

logoregginaCome già accaduto negli ultimi anni, le penalizzazioni (che si sommano a quelle già pregresse, ad esempio in Lega Pro adesso il Savona e il Catania sono entrambe a -11 in classifica rispetto ai punti che hanno conquistato sul campo) stravolgono i campionati e soprattutto saranno soggette a nuove modifiche nel corso della stagione. Molti club, infatti, faranno ricorso in appello chiedendo “sconti” di pena o il totale annullamento della stessa. Nel caso della Reggina Calcio, si tratta di una penalizzazione alla società che non è iscritta ad alcun campionato e che “andrà scontata nel caso di futura iscrizione“. La penalizzazione di -8 è dovuta alla storica vicenda degli incentivi all’esodo, nonostante la Reggina Calcio abbia già scontato una pesante penalizzazione nello scorso campionato e poi una sentenza di un organo superiore le abbia dato ragione sul ricorso. La battaglia (legale) continua: il club amaranto farà ancora una volta ricorso in appello e se, da un lato, non scende più in campo per le partite della domenica, deve ancora confrontarsi con le partite legali. Tra scandali, scommesse e inadempienze di vario titolo ad ogni latitudine e in diverse categorie, anche quest’anno la Reggina Calcio pur non partecipando ad alcun campionato è la squadra con la penalizzazione più pesante. Ennesima barzelletta di una Procura Federale sempre meno credibile.