Presto l’associazione dei vini di Calabria

incontro associazione vitivinicola 2I produttori vitivinicoli calabresi  pronti a fare quadra ed a mettersi in rete in un’associazione ad hoc. Un’idea lanciata nel corso di un incontro svoltosi nei giorni scorsi a Rende al quale ha partecipato un nutrito gruppo di produttori. Sono circa 110 le aziende vitivinicole della regione, e più della metà ha dato disponibilità a sottoscrivere la costituzione dell’associazione. Un primo passo verso la promozione e conoscenza delle nostre produzioni, partendo dall’assunto che solo stando insieme si possono raggiungere biettivi importanti. L’associazione, infatti, avrà lo scopo di  preservare l’identità del vino calabrese, ma soprattutto unire le forze di vignaioli dando a ognuno maggior forza, consapevolezza e visibilità condividendo esperienze, studi e ricerche. A rendersi promotori dell’incontro, i due Agrotenici Aurelio ARNONE, che ha illustrato il progetto e gli obbiettivi della futura Associazione,  e Giuseppe PERRI che ha parlato ai presenti di progettazione integrata, di promozione, di marchi di qualità e quanto altro occorra per iniziare un percorso di coesione tra i produttori, i soggetti che partecipano alla filiera vino  e le istituzioni. Alla riunione ha partecipato il consigliere regionale on. Mauro D’ACRI, che ha portato i saluti di tutta l’amministrazione regionale ed ha illustrato in modo molto dettagliato le tempistiche di attuazione del nuovo Programma Operativo che la Regione Calabria sta approntando e tutte le opportunità che potrebbero  venire dall’associazionismo tra i produttori agricoli. Sulla stregua di quanto già accade in importanti territori vitinicoli, l’associazione dei Produtttori calaresi potrebbe rappresentare un’ottima occasione di crescita per tutto il comparto. Da qui la necessità di avviare il prima possibile tutti gli step necessari per l’istituzione dell’Associazione che – è stato anticipato nel corso dell’incontro -  molto probabilmente porterà il nome di “Associazione Vini di Calabria” abbreviato AVC con il motto “Lavorare con etica”.