Pericolo Isis in Italia, un ex agente segreto: “le regioni più sicure sono quelle dove c’è la mafia”

Un ex agente afferma: “la mafia o comunque le organizzazioni criminali a proteggere alcune regioni d’Italia dal pericolo Isis e terrorismo”

isisUn ex agente segreto intervistato da panorama.it dà uno spaccato di quello che nel nostro paese, con il terrorismo, non può avvenire, grazie ad una “piaga” che ha le sue radici nel Sud. L’ex agente afferma: “la mafia o comunque le organizzazioni criminali a proteggere alcune regioni d’Italia dal pericolo Isis e terrorismo”. A differenza di quanto asserisce il procuratore di Reggio Cafiero De Raho, cioè che “non è improbabile un’alleanza tra ‘ndrangheta e terroristi, l’ex agente sottolinea assolutamente il contrario, spiegando anche i motivi:

1) Un attentato nel territorio controllato dalla malavita innalzerebbe sul territorio la presenza delle forze dell’ordine e investigatori e questo impedirebbe lo svolgimento delle attività criminali.

2) La distruzione di attività commerciali durante un attentato sarebbe nefasto per le mafia in quanto, tramite il pizzo, è fonte di reddito.

3) Le organizzazioni criminali non accettano presenze esterne su un territorio controllato in maniera capillare.