Orrore a Parigi: la solidarietà dei dirigenti penitenziari

LaPresse

LaPresse

Il Si.Di.Pe., a nome di tutti i Direttori degli Istituti Penitenziari e degli Uffici di Esecuzione Penale Esterna che esso rappresenta, “si unisce all’immenso dolore dei familiari delle vittime di questo atroce atto di assurda, feroce, barbara e ingiustificata violenza che si è abbattuto sulle innocenti vittime di Parigi e desidera esprimere loro e alla Francia il proprio più profondo cordoglio e la propria vicinanza. È un attentato che colpisce non solo le vittime e i loro familiari, non solo Parigi e la Francia ma tutta l’Europa, l’intero mondo civile e la stessa democrazia. Confidiamo che i Governi di tutto il mondo si uniscano per impedire che ci siano altre vittime innocenti per mano di quelli che sono folli criminali che seminando il terrore intendono uccidere la civiltà e la democrazia. I Dirigenti penitenziari, da uomini dello Stato, sono pronti a dare il loro contributo alla Nazione da quegli avamposti di legalità che essi dirigono, che sono gli Istituti Penitenziari e gli Uffici di Esecuzione Penale Esterna, per garantire la sicurezza dei cittadini e preservare la democrazia del nostro Paese, senza rinunciare a quei principi di legalità e di rispetto dei diritti umani che contraddistinguono l’Italia e gli altri paesi civili”.