Musella: “gli imprenditori di Bagheria hanno dimostrato che l’unione fa la forza contro le mafie, ma il Calabria ciò non avviene”

mafia“L’unione fa la forza contro le mafie e gli imprenditori di bagheria l’hanno dimostrato. La stessa cosa, pero’, non avviene in una regione come la Calabria dove ,invece,chi si espone contro la sopraffazione viene lasciato solo. Quie’ difficile trovare il noi….. Tutti parlano contro le mafie , le associazioni discutono, organizzano tavole rotonde,rincorrono progetti e beni confiscati, tutto va bene ma al momento della denunzia o di prendere una seria presa di posizione ,non si vede nessuno e si viene lasciati soli. Ognuno si guarda il proprio orticello e i fini sono vari e diversi tra loro. Questo avviene in Calabria”, scrive Adriana Musella, del Coordinamento Nazionale Antimafia “Riferimenti”. ”Credo che la solitudine – prosegue- sia uno dei pesi maggiori che, chi fa antimafia seria, con coscienza e con il cuore deve affrontare. A parole si e’ tutti bravi ma poi…..? La solidarieta’ a posteriori non basta quando un’ azienda viene intimidita o quando si assumono decisioni di un certo tipo non serve sentirsi dire forza vai avanti se poi la tua denunzia non diviene quella degli altri e quando ti guardi intorno non vedi e non senti nessuno unire alla tua, la propria voce. Che dire poi di Enti e Istituzioni? Parole inutili a iosa ma atti concreti? E i faamiliari delle vittime? Le carezze non bastano …Quando si spengono i riflettori le famiglie sono abbandonate a se stesse e ai propri problemi. E se qualcuno di noi -aggiunge- si e’ impegnato per dare un senso alla propria esistenza ,nonche’ all’assassinio dei propri cari, non sono mancate le occasioni in cui su quell’impegno si e’ fatto sciacallaggio senza alcun rispetto e oltre il danno ci siamo trovati ad affrontare la beffa,anche in questo caso da soli.SI SOLI ,QUESTA E’ LA VERITA’ E QUESTA E’ L’ ESPERIENZA DI CHI COME ME DA 25 ANNI E’ IN TRINCEA. Libero Grassi gioisce certamente nel vedere da lassu’ la rivolta degli imprenditori di Bagheria ma mi chiedo ” Lo STATO SARA’ capace di dare a questa sfida le giuste risposte?Riuscira’ lo STATO a meritare la fiducia che ,denunziando ,gli imprenditori siciliani hanno riposto nella GIUSTIZIA e nelle ISTITUZIONI?Sara’ quindi in grado di non deluderli? Troppe volte i testimoni vengono dimenticati,come cavie usa e getta in questo Paese ,troppe volte abbiamo assistito alla loro disillusione nei confronti di uno Stato in cui loro hanno creduto e da cui poi si sono sentiti abbandonati…..troppe volte , la certezza della pena non e’ stata garantita……TROPPE VOLTE ………….PERSONALMENTE NON HO PIU’ VOGLIA DI PROCLAMI”, conclude.