Mezzogiorno, Azione Nazionale: “obbligo riserva del 30% degli investimenti pubblici”

Fausto Orsomarso Azione Nazionale 02Imporre l’obbligo della riserva del 30% per il Mezzogiorno di tutti gli investimenti pubblici. A chiederlo è il manifesto politico di Azione Nazionale, presentato ieri mattina al Teatro Quirino di Roma.

Il documento politico del nuovo movimento di destra chiede inoltre di “rinegoziare a livello europeo e nazionale il patto di stabilità interno per permettere agli Enti Locali di tornare ad investire” e allo stesso tempo propone il “commissariamento ad hoc di tutte le Regioni che non riescono a spendere almeno il 70% dei fondi strutturali europei”. L’obiettivo, si legge nel Manifesto presentato questa mattina, è quello di opporsi “ai vizi dello statalismo e del regionalismo, entrambi produttori di sprechi e di sperequazioni”, sostenendo “con forza” il ritorno dello Stato centrale “per ridurre i divari tra Nord e Sud, per imprimere alla nazione una direzione di marcia unitaria e coerente, per difendere la tenuta sociale, economica e industriale dell’Italia”.