Messina: “La TUA idea per la Sicilia – I Giovani dell’Isola a confronto”

La Sicilia ha bisogno di idee nuove, fresche e giovani per ripartire: l’occasione giusta sarà a Messina, il 21 novembre con, “#diventeràbellissima – la TUA idea per la Sicilia”, giornata di lavori per discutere nuove proposte per la Regione. Ospite speciale: il presidente della Commissione parlamentare Antimafia della Regione Siciliana, Nello Musumeci

#diventeràbellissimaGran parte delle conversazioni annoiate tra i siciliani, e i messinesi in particolare, prima o poi finiscono tutte nel cadere sull’argomento posto sotto la categoria “In Sicilia/a Messina non c’è nenti“. Oramai è divenuta quasi una credenza comune, come un totem primigenio, messo lì da tempo immemore a permeare la storia passata, presente e futura. Ma qualcosa può cambiare: come poterlo dire? Il 21 Novembre, presso il Palazzo della Cultura “Antonello da Messina”, si svolgerà una giornata innovativa, all’insegna della collaborazione e della cooperazione. Fa tappa a Messina #diventeràbellissima, nuovo movimento civico per la “rigenerazione” della Sicilia. Dalle 15:30 alle 19:30 si svolgerà l’intensissimo pomeriggio di “La TUA idea per la Sicilia – I Giovani dell’Isola a confronto”, in cui il susseguirsi di numerosi workshop a cui prenderanno parte i giovani messinesi vedrà la realizzazione e la presentazione di nuove proposte concrete per i settori di sviluppo su cui focalizzare l’attenzione all’interno della Regione Siciliana.

La giornata si realizza grazie all’intervento dell’On. Nello Musumecipresidente della Commissione parlamentare Antimafia della Regione Siciliana, fondatore di #diventeràbellissima, progetto che nasce, secondo le parole del manifesto del movimento, dalla convinzione “che sia indispensabile “rigenerare” la Sicilia attraverso un’azione lungimirante che abbia, finalmente, come unica stella polare l’interesse dei siciliani e della Sicilia”. Musumeci non solo concluderà i lavori, esponendo il proprio punto di vista e tirando le somme del lavoro svolto, ma sarà una risorsa per i ragazzi stessi, dal momento che si è reso disponibile ad essere presente durante i lavori pomeridiani, per supportare e coadiuvare i partecipanti nella realizzazione delle proposte da presentare.

Nello MusumeciI giovani messinesi, dunque, insieme agli altri giovani siciliani che già hanno aderito alla manifestazione e al movimento, sono chiamati a rinnegare quel paradossale totem di cui accennavamo all’inizio: sono chiamati a smentire una credenza popolare che, col tempo, è divenuta endemica e idiomatica. Sono chiamati a dire la loro, fattivamente, a dare sostanza di fatti ai pensieri che circolano loro per la testa e alle parole che scivolano dalle bocche. La manifestazione si configura come appello al quale si può rispondere solo se si ha il coraggio di fare: parlare, quello, lo sanno fare tutti. Pertanto, come ci dice il Senatore accademico dell’Università degli Studi di Messina, Francesco Torre: “sei saranno le differenti aree tematiche da sviluppare in gruppi di lavoro (per tutti i gusti e per tutte le attitudini, verrebbe da dire con tono pubblicitario): Cultura e TurismoScuola, Università ed IstruzioneTutela dell’ambiente e del territorio; Sport e SpettacoloEnergia, viabilità e trasportiAntimafia e Legalità“.

Si parla tanto di Messina, si parla tanto di Sicilia, si parla tanto in generale: chissà se, questa, potrà essere l’occasione giusta per tacere, essendo troppi impegnati a “rigenerare” la Sicilia, coi fatti.