Messina, i pericoli del Torrente Bordonaro finiscono in Procura [FOTO]

Mli invia la propria segnalazione all’attenzione del pm Liliana Todaro

torrente bordonaroIl capogruppo del Movimento Liberi Insieme, Roberto Cerreti, ha inoltrato una segnalazione alla Procura della Repubblica, con la quale ha inteso denunziare la disastrosa situazione dell’alveo del Torrente Bordonaro e l’annesso rischio per l’incolumità pubblica per gli abitanti delle Contrade San Nicola e Germania. “L’isolamento – scrive Cerreti – sciaguratamente preannunziato nella missiva del nostro Movimento nel 2014, ieri si è sfiorato ed è stata solo la solerzia dello staff comunale preposto, intervenuto intorno alle 2 del mattino ed alla presenza della Protezione Civile e dei Carabinieri, e la clemenza successiva del tempo ad aver evitato che le passerelle di collegamento alle contrade, invase da acqua e detriti, potessero danneggiarsi o addirittura cedere isolando gli ignari cittadini.  In questa cronaca di un disastro preannunziato e solo momentaneamente evitato, stranisce fortemente l’omissione di un intervento straordinario serio e concreto da parte dell’Amministrazione Comunale a salvaguardia dell’esposta popolazione, soprattutto a seguito della nostra segnalazione del gennaio del 2014 e dell’attenzione che La Procura di Messina ha dato alla vicenda, con l’adeguamento ed il potenziamento delle vie di deflusso delle acque piovane, la ristrutturazione e messa in sicurezza delle passerelle di collegamento, il consolidamento degli argini del torrente Bordonaro e soprattutto la valutazione ed eventuale realizzazione di un’indispensabile via di fuga alternativa per gli abitanti delle 2 contrade”. Da qui la decisione di sottoporre la vicenda alle autorità inquirenti per vagliare l’eventualità di ipotesi di reato.