Messina, “Frena la frana”: la Cgil rilancia la mobilitazione

Oggi il convegno sui temi della messa in sicurezza e degli interventi necessari al territorio per garantire diritti e sviluppo

foto iniziativa Cgil su dissesto territorio e infrastruttureLa Cgil continua a rivendicare soluzioni per contrastare il dissesto idrogeologico, per realizzare le infrastrutture necessarie, per garantire diritti e sviluppo ai territori. Oggi all’ex Provincia regionale, l’iniziativa promossa dalla Cgil con amministratori, tecnici e le categorie del settore dell’edilizia, forestale e dei trasporti sui temi degli interventi di messa in sicurezza e infrastrutturali.

Siamo al ventesimo giorno di emergenza idrica, stanchi di passare da un’emergenza all’altra – ha evidenziato il segretario generale della Cgil di Messina, Lillo Oceanobisogna cambiare approccio, programmare interventi, finalizzare le risorse, impiegare competenze”.

“Lavorare sul dissesto idrogeologico e infrastrutture è l’elemento che può garantire sicurezza, diritti, creare condizioni di sviluppo. Bisogna garantire al Mezzogiorno politiche nazionali incrementando le risorse”, ha sottolineato il segretario Cgil Messina aggiungendo la necessità di “un utilizzo del Fondo sviluppo e coesione per finalità proprie”. “Deve anche concludersi – ha detto Oceano – la stagione che ha visto utilizzare i fondi strutturali per la costruzione del consenso, bisogna usarli per progettare”.

L’iniziativa ha rilanciato la mobilitazione della Cgil su questi temi e su quelli dello sviluppo del Mezzogiorno che passano anche da una efficace politica del territorio. “Una corretta gestione passa dalla prevenzione”, ha sottolineato la segretaria Cgil nazionale Gianna Fracassi ribadendo l’azione della Cgil per rivendicare politiche per il Sud.

oceanoAll’incontro che ha registrato la presenza dei sindaci del territorio, il segretario generale della Cgil Sicilia Michele Pagliaro ha ribadito come “tanti lavoratori forestali sono ancora costretti a scendere in piazza mentre si perdono fondi che possono essere impiegati in importanti opere di prevenzione”.

Un efficace piano di interventi oltre a dare risposte alle popolazioni per garantire condizioni di sicurezza può dare risposte occupazionali”, hanno sottolineato il segretario generale Fillea-Cgil nazionale Walter Schiavella e il presidente del Comitato Direttivo Flai-Cgil nazionale Ettore Ronconi. Gli esponenti nazionali della Filt-Cgil hanno rilanciato la battaglia del sindacato sul potenziamento delle infrastrutture, sul diritto alla mobilità per le popolazioni del Sud.

Durante il confronto sono intervenuti i vertici del Genio civile, del Cas, dell’Anas.