Messina, emergenza idrica: i quartieri in lista nera

L’Amministrazione conferma il razionamento dell’acqua annunciato dall’Amam. Ecco le zone critiche

poca acquaIl sindaco, Renato Accorinti, ha diramato un avviso per informare la cittadinanza che, a seguito dell’ulteriore frana verificatasi nel territorio di Calatabiano ai danni della condotta di Fiumefreddo, si è avuta un’improvvisa interruzione dell’erogazione idrica. Pertano, come comunicato dall’AMAM, vi sarà una distribuzione razionata delle risorse idriche provenienti dall’Acquedotto Santissima, dall’erogazione ridotta dell’Alcantara e dei pozzi cittadini. L’AMAM comunica, in particolare, in base alla proiezione e sulla scorta di precedenti situazioni emergenziali e di simulazioni, che le zone che potrebbero subire maggiori disagi sono CEP, MINISSALE, ANNUNZIATA ALTA (ctr Citola e ctr Sorba), CASTANEA, GIOSTRA (Villa Lina, Santa Chiara, Villaggio Svizzero), SAN LICANDRO (zona alta), GIAMPILIERI SUPERIORE, MILI SAN MARCO, TORRENTE TRAPANI (zona alta) ZAFFERIA (ctr. Macchia), SANTA LUCIA SOPRA CONTESSE (zona alta), OSPEDALE PAPARDO, ISTITUTO ORTOPEDICO SCALABRINO, MASSE (San Giorgio, Santa Lucia, San Nicola), FARO SUPERIORE (Luvarazzi, Torre Faro, Ganzirri). Per i casi di particolare emergenza che interessano persone anziane e disabili non assistite, può essere contattato, dalle ore 7 alle 24, il numero telefonico 0907724110 o inviato un fax al numero 090694888 (specificando nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico e motivo della richiesta) o una mail all’indirizzo autoparco@comune.messina.it .