Messina, emergenza idrica. Gioveni e Cacciotto: “presi in giro dall’Amam con annunci falsi”

Messina, emergenza idrica. Gioveni e Cacciotto si scagliano contro l’Amam

rubinetto acqua“Un conto è comprendere la situazione di emergenza (in cui i cittadini consapevo li delle difficoltà tecniche devono stringere i denti), un conto invece è essere presi letteralmente in giro dall’Amam con annunci ufficiali sul sitoM, che si stanno rivelando invece del tutto falsi e fuorvianti! Tutto il popoloso rione di Camaro S. Paolo, per esempio, all’asciutto come tanti altri villaggi, in base a quanto comunicato dalla società di viale Giostra, doveva ricevere la distribuzione dalle ore 5 alle ore 10 di stamattina dal pozzo UMMI e dal pozzo Scordo, ma anche questa volta, così come accaduto in altre circostanze, nulla da fare: i rubinetti dei quasi 9000 abitanti di Camaro S. Paolo sono a secco”, scrivono in una nota il consigliere comunale Libero Gioveni ed il consigliere della III° circoscrizione Alessandro Cacciotto. “Esprimiamo forte disappunto e stigmatizziamo con forza questo “modus operandi” dell’Amam nelle comunicazioni date ai cittadini, che così vengono totalmente illusi! Soltanto adesso -proseguono- dopo alcuni contatti telefonici con i tecnici dell’ufficio Telemetria, abbiamo appreso che la zona sarà servita solo domattina! Siamo sempre più convinti della necessità che, ultimata l’emergenza, si debba fare assoluta chiarezza a 360 gradi su come è stata gestita una macchina forse molto più difficile da guidare rispetto alle potenzialità e alle capacità dei “conducenti”! Non vogliamo certamente sparare sulla “croce rossa”, ma sentiamo il dovere di denunciare, da umili rappresentanti dei cittadini, che oltre al disagio loro arrecato, si sta tentando di offendere anche la loro dignità (oltre che abusare della loro pazienza!!!). Confidiamo che quanto accaduto, non abbia più a ripetersi”, concludono.