Messina, Accorinti vada via: riprende la raccolta firme

Numerose sigle cittadine denunciano il fallimento dell’Amministrazione: pacifinti

Renato Accorinti - Foto LaPresse

Renato Accorinti – Foto LaPresse

Ha fallito su tutta la linea. Il giudizio sull’Amministrazione Accorinti di un raggruppamento di sigle cittadine è pessimo. Un giudizio maturato sulla scorta dei risultati conseguiti in tema di sviluppo, di crisi idrica, d’infrastrutture e trasporti ed esternato da un rassemblement variopinto. Dall’Adis a Cittadinanzattiva, dalla Compagnia del Mezzogiorno ai Verdi, passando per CSRLP, Federazione Nuova Destra, Insieme per la Sicilia, Italia dei Valori, LabDem, L’Alternativa Possibile, L’Altra Messina, Libera Messina, Movimento Consumatori del Sud, reset, Riabilitiamo Messina, Sicilia Democratica ed Umanesimo e Riformismo  “L’Amministrazione Accorinti si è dimostrata assolutamente incapace di incarnare la scelta dei messinesi che nel giugno 2013 avevano delegato al Sindaco ed alla Sua Giunta la responsabilità e la chiara volontà di un cambiamento concreto. Accorinti e la sua Squadra, insieme agli adepti pacifinti, hanno invece creduto di essere essi stessi il cambiamento immaginando di poter continuare a recriminare sulle colpe, reali, di quelli di prima senza fare nulla di serio ma limitandosi a portare avanti idee ed ideali propri senza produrre alcunché nell’interesse dei messinesi”. Dalle “sceneggiate sul Cavalcavia” all’utopica flotta comunale, l’elenco delle battaglie di facciata è assai lungo e si scontro con “l’incapacità di intercettare fondi Regionali, Nazionali e Comunitari associati all’incapacità di predisporre i progetti anche emergenziali come ad esempio quello per la salvaguardia dell’abitato di Galati e Santa Margherita“.

Per tale ragione – precisano le diverse realtà associative – reputiamo irrinunciabile riprendere la raccolta firme, che individuerà almeno tre punti fissi a nord, centro e sud, al fine di chiedere le dimissioni del Sindaco Accorinti. Riprenderemo la raccolta già domani, Sabato 7 Novembre a Piazza Municipio, in occasione della manifestazione contro la crisi idrica e l’emergenza rifiuti lanciata da Riabilitiamo Messina ed alla quale tutti i Sottoscritti aderiscono invitando la Cittadinanza a battere un colpo superando l’apatia ovvia di chi si sente tradito”.