Maxi blitz antidroga tra Calabria e Sicilia: anche donne al vertice della banda, tutti i DETTAGLI

Al vertice della banca anche donne che svolgevano un ruolo di primo piano

carabinieriUn maxi blitz antidroga è stato eseguito da parte dei carabinieri di Siracusa, Catania, Trapani, Vibo Valenti e ha portato a 24 ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite a carico di altrettante persone, la maggior parte delle quali residenti nella zona sud della Provincia di Siracusa. Al gruppo appartenevano anche donne che svolgevano un ruolo di primo piano. L’accusa e’ associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti (eroina, cocaina e hashish), con l’aggravante della disponibilita’ di armi. Due indagati sono irreperibili. Per rifornirsi della droga dalla Calabria utilizzavano un incensurato che si spostava tra i comuni di Africo Nuovo, Bianco e Bovalino. Accertata l’esistenza di un fondo comune dal quale prelevare le somme per mantenere i sodali detenuti. Veniva utilizzato un linguaggio criptico “cavalli”, “cavallo piccolo”, “giumenta”, per indicare quantita’ e tipo di stupefacente ordinato, oppure “motore”, “centralina” per indicare la qualita’. Tra l’altro all’interno di una stalla Corrado Casella aveva nascosto la droga sotto il letame.