Jet abbattuto, la versione della Turchia: “hanno violato il nostro spazio aereo e abbiamo sparato”

jetErano due gli aerei militari, secondo la Turchia, ad aver violato lo spazio aereo turco: il primo, dopo i reiterati avvertimenti che Ankara afferma di aver lanciato, si e’ allontanato, mentre il secondo ha proseguito sulla sua rotta ed e’ quindi stato abbattuto: e’ quanto si legge nel testo della lettera inviata dalla Turchia al presidente del Consiglio di sicurezza e al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, cosi’ come e’ stata diffusa dai media. “Questa mattina (24 novembre) 2 aerei Su-24 di nazionalita’ sconosciuta – si legge nel testo – hanno avvicinato lo spazio aereo nazionale della Turchia nella regione di Yayladagi/Hatay. I due velivoli sono stati avvertiti 10 volte nell’arco di 5 minuti attraverso il canale ‘Emergency’ ed e’ stato richiesto loro di cambiare direzione verso sud. “Ignorando questi avvertimenti – prosegue il testo -, entrambi gli aerei, ad un’altitudine di 19.000 piedi (circa 6.000 metri, ndr) hanno violato lo spazio aereo nazionale turco per una lunghezza (rispettivamente) di 1,36 miglia e di 1,15 miglia per 17 secondi a partire dalle 09:24:05″ ora locale. “In seguito alla violazione, l’aereo numero 1 ha lasciato lo spazio aereo turco. Al secondo e’ stato sparato da F-16 turchi in azione di pattugliamento (…). L’aereo 2 e’ quindi precipitato sul lato siriano del confine fra Turchia e Siria”, continua il testo della lettera.