Ferrovie calabresi: accordo tra Rfi, Cnr e Arpacal, più sicurezza dopo il “miracolo” della jonica

Foto Domenico Scopelliti

Foto Domenico Scopelliti

Mentre la ferrovia jonica reggina, colpita dal nubifragio dell’1 novembre scorso, è stata ricostruita con due giorni d’anticipo rispetto ai tempi preventivati, RFI (Reti Ferroviarie Italiane) ha siglato un importante accordo di collaborazione con il CNR e l’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria) per la mitigazione del rischio idrogeologico lungo la linea ferroviaria, anche alla luce di quanto avvenuto il 12 agosto scorso a Rossano, quando, in quell’occasione, vi furono interruzioni del servizio a causa dell’erosione della sede dei binari. I rigidi protocolli di sicurezza di RFI che, in occasione di allerta meteo, vengono attivati attraverso il controllo visivo della rete, ossia personale che ispeziona a piedi la linea, hanno consentito di interrompere, in entrambe i casi, la circolazione dei treni prima del verificarsi degli eventi alluvionali.

circolazione_ripresa_Calabria (2)L’accordo tra RFI, CNR e Arpacal ha come obiettivo primario la mitigazione del rischio idrogeologico lungo la rete ferroviaria attraverso l’utilizzo di strumenti previsionali e di monitoraggio ad elevata risoluzione spazio-temporale in grado di individuare, con elevato dettaglio, le criticità lungo i binari.   Il progetto in atto denominato RAMSES (RAilway Meteorological SEcurity  System), il cui Protocollo D’intesa è stato firmato dai tre Enti la settimana scorsa,  è finalizzato ad effettuare previsioni estremamente localizzate, dell’ordine del chilometro, riducendo notevolmente la scala temporale da pochi minuti a 3-6 ore. Questa informazione, in tempo “quasi-reale”, risulta di notevole utilità per il sistema di Sicurezza di RFI che potrà valutare l’entità del rischio e quindi decidere la sospensione del servizio ferroviario. Il progetto, approvato dalla Direzione Centrale RFI e attualmente in stato sperimentale, è particolarmente articolato e complesso in quanto, oltre alla previsione meteorologica, prevede di quantificare anche gli effetti al suolo (allagamenti, verifica attraversamenti, frane). Mette in campo tutte le risorse oggi disponibili per l’osservazione dell’atmosfera e del territorio: satelliti, radar meteorologico, strumenti di misura al suolo, dati di fulminazioni, il tutto coordinato e inserito in un modello previsionale a scala locale. Partecipano al progetto l’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica (CNR-IRPI), rappresentato dai responsabili Ing. Salvatore Gabriele per la componente idrologica e  Dott. Giulio Iovine per gli effetti al suolo, l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (CNR-ISAC), con responsabile l’Ing. Sante Laviola, il Centro Funzionale Multirischi dell’ARPACAL Calabria diretto dall’Ing. Raffaele Niccoli, la  Direzione Territoriale RFI di Reggio Calabria rappresentata dall’Ing. Stassi.

Foto Domenico Scopelliti
Foto Domenico Scopelliti
Foto Domenico Scopelliti