Cosenza, domani giornata calabrese dell’agricoltura

agricolturaDomani lunedì 30 Novembre dalle ore 16.00 organizzata dalla Coldiretti Calabria, si svolgerà nell’Auditorium “Antonio Guarasci” del Liceo Classico B.Telesio in piazza XV Marzo a Cosenza la “Giornata Calabrese dell’agricoltura”. Il tema scelto è di grande attualità: “Il Protagonismo degli Agricoltori e i Programmi Comunitari 2014-2020 investire per la Calabria bella, vera che piace e vince è un dovere tutti” Dopo l’approvazione della Commissione Europea dei Programmi Comunitari per il prossimo settennio, che dovranno incidere sulla realtà economico e sociale della Regione, la Coldiretti Calabria con questa iniziativa darà voce all’agricoltura regionale per far conoscere una realtà da primato per capacità di innovazione, creatività, salvaguardia delle tradizioni, rispetto ambientale e sicurezza alimentare e capace di tonificare gli altri settori produttivi. Cosenza sarà invasa da giovani, donne, uomini e anziani delle campagne calabresi protagonisti di una visione resiliente e innovativa dell’utilizzo delle risorse comunitarie. Una responsabilità testimoniata dalla presenza del Presidente della Giunta Regionale Mario Oliverio insieme al Presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro. Saranno allestiti spazi rappresentativi della diversificata realtà dell’agricoltura calabrese. Una occasione unica per toccare con mano la rivoluzione in atto nelle campagne calabresi, dove per l’attività agricola si sono aperte nuove e straordinarie opportunità imprenditoriali e occupazionali. Hanno assicurato la partecipazione, il sindaco di Cosenza e presidente della Provincia Mario Occhiuto, il Presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto, l’assessore regionale Federica Roccisano, il parlamentare Nicodemo Oliverio, il Procuratore della Repubblica di Vibo Valenzia Mario Spagnuolo, consiglieri regionali, sindaci, rappresentanti istituzionali ai vari livelli, il Direttore dell’Anbi Massimo Gargano, i presidenti e dirigenti dei Consorzi di Bonifica, dirigenti regionali, responsabili di sistemi agricoli e agroalimentari avanzati e moderni, cooperative.