Clamoroso nel reggino: accordo tra cosche, 13enne costretta a fidanzarsi per sancire un’alleanza

Emergerebbe dagli atti di un’inchiesta della Procura di Reggio, un fisanzamento combinato tra una 13enne ed un uomo molto più grande per tentare di “unire gli affari” delle famiglie di ‘ndrangheta Coluccio e Commisso

MatrimonioE’ incredibile la storia raccontata dalla trasmissione  ”Storiacce” di Raffaella Calandra su Radio 24 legata ad un’inchiesa sui matrimoni “combinati” per sancire alleanze di ‘ndrangheta tra varie cosche. Difatti, emergerebbe dagli atti di un’inchiesta della Procura di Reggio, una combine tra una 13enne ed un uomo molto più grande per tentare di “unire gli affari” delle famiglie di ‘ndrangheta Coluccio e Commisso sulla zona jonica reggina. A “forzarla” – scrivono in un decreto di fermo contro 49 persone i pm Antonio de Bernardo e Paolo Sirleo, coordinati da Nicola Gratteri – sono proprio i genitori, a cominciare dalla madre”. Una storia aberrante, terribile e che di certo non appartiene ad una cultura moderna, occidentale e “legale”.