Catanzaro: truffa per 110 mila euro, indagati due avvocati

Ai professionisti viene contestata dalle fiamme gialle lametine l’accusa di aver perpetrato una truffa, in concorso tra loro, a danno di un privato cittadino

Guardia di FinanzaI finanzieri del gruppo di Lamezia Terme (CZ), coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno  notificato due informazioni di garanzia, con contestuale avviso della chiusura delle indagini preliminari, nei confronti di altrettanti avvocati. Ai professionisti viene contestata  dalle fiamme gialle lametine l’accusa di aver perpetrato una truffa, in concorso tra loro, a danno di un privato cittadino. Le indagini sono scaturite dalla denuncia, sporta dalla vittima, dopo che la stessa aveva erogato, in momenti diversi, svariate somme di denaro a favore degli indagati. L’ammontare complessivo delle somme percepite in modo truffaldino supera infatti i 110.000 euro, corrisposti soprattutto a mezzo di bonifici e assegni bancari. I due avvocati hanno raggirato il malcapitato facendosi consegnare – con una serie di artifici fantasiosi, ma efficaci – le cospicue somme di denaro, con la promessa che le medesime sarebbero state investite in vantaggiosi acquisti, prevalentemente di immobili. Di fatto, i lucrosi affari non sono mai stati conclusi, ma le somme percepite sono state illecitamente trattenute dagli avvocati. Peraltro, dalle indagini e’ emerso anche che, a giustificazione di alcuni dei bonifici effettuati dalla vittima, gli indagati, per fornire parvenza di legalita’ alla transazione finanziaria, facevano apporre “causali” che facevano riferimento a pagamenti di presunte parcelle professionali. Anche tali circostanze, tuttavia, sono state del tutto smentite dagli accertamenti eseguiti dai finanzieri.

 Continua pressante l‘azione delle fiamme gialle a tutela dei cittadini contro ogni forma di illecito in campo economico finanziario.