Unime, rinnovata la convenzione con l’Atm: gli abbonamenti costeranno 30 euro

Gli studenti potranno viaggiare sui mezzi pubblici a un costo iper-agevolato. Diverse sigle studentesche in protesta: l’anno scorso il servizio era gratis

atm-unime partnerCon l’avvio del nuovo Anno Accademico, l’Ateneo ha rinnovato l’accordo con l’Atm per favorire l’utilizzo del trasporto pubblico da parte degli studenti, rinnovando e potenziando così il proprio impegno nel favorire la mobilità da parte degli iscritti.

Quest’anno, infatti, l’Università ha quasi raddoppiato l’investimento finanziario di dodici mesi fa. E’ stato però necessario rimodulare la convenzione, visto che nell’anno accademico precedente, a fronte di una stima di 2.500 potenziali utenti, erano stati poi sottoscritti oltre 5.000 abbonamenti.

In virtù di questo dato, è stato stabilito che gli studenti che intenderanno usufruire del servizio, parteciperanno con una spesa di 30 euro al costo complessivo dell’abbonamento (80 euro, tariffa scolastica).

Chi intende sottoscrivere l’abbonamento stesso, pertanto, lo potrà fare pagando il MAV già disponibile attraverso la pagina personale ESSE3, pari appunto a 30 euro.

atm2In questo modo, si potranno utilizzare bus e tram di tutte le linee ATM, fino al 31 luglio 2016, ogni giorno escluse le domeniche e i festivi, dalle 7 alle 22.

Il servizio è attivo dall’8 ottobre 2015 e, nelle more del rilascio di UnimeCard a tutti gli studenti, è possibile usufruirne esibendo la ricevuta del pagamento del MAV e un documento di identità.

L’Atm si riserva di effettuare controlli a campione, utilizzando gli elenchi trasmessi dall’Ateneo dei sottoscrittori dell’abbonamento.

La convenzione è stata approvata dagli organi accademici, con il voto favorevole anche degli studenti. I dettagli della convenzione sono stati inoltre illustrati agli stessi rappresentanti degli studenti, dal Prorettore per i Servizi agli Studenti prof. Eugenio Guglielmino e dal Direttore Generale prof. Francesco De Domenico nel corso di un incontro.

Si ricorda, infine, che gli studenti possono utilizzare gratuitamente i servizi di bus navetta da e per i Poli di Papardo e dell’Annunziata, forniti da ditte private, che l’Università continua a mettere a disposizione anche per quest’anno.