Squadra antimafia 7: dov’è Anna?

Anna Cantalupo protagonista assoluta della settima puntata

anna

di Tari Romeo -La scoperta che il suocero Goffredo Collina è stato il responsabile della morte del marito e della perdita del suo bimbo non ancora nato,  fa uscire di testa  Anna che, perduta ogni speranza che la giustizia istituzionale possa rendere onore alla verità, agisce da sola e, con rabbia e indignazione, dopo aver eliminato il suocero, nel quale aveva riposto le sue speranze per venire a capo dell’intricata matassa mafioso-politica, va alla ricerca di Saverio Torrisi. Saverio Torrisi è socio di Collina, potente proprietario di una banca con la quale   ricicla il denaro sporco  dei  traffici internazionali e coinvolto nell’operazione Crisalide che vede implicati famiglie di mafiosi e politici di alto rango con la collaborazione di magistrati e forze dell’ordine ai vari livelli. Anna è ormai decisa a tutto e, tenuto conto che raggiungere Torrisi è praticamente impossibile, considerati i sistemi di sicurezza accuratissimi con i quali il Broker si protegge , non esita a sacrificare se stessa,  Quindi elabora un piano diabolico : droga e fa prigioniero nella cantina della propria casa Tempofosco, depista i colleghi della Duomo  cambiando automobile e spostando i telefoni cellulari, suo e di Tempofosco, costruisce una bomba e tende un tranello a Torrisi dicendogli che gli avrebbe consegnato gli elenchi di Crisalide. Novella kamikaze, Anna è ormai folle  e rivede il marito con il quale dialoga allucinata dal dolore causato dalla tragedia che ha distrutto la sua famiglia; ma non ha tenuto conto, Anna, che De Silva ne sa una più del diavolo e fa fallire il suo piano. Fatta prigioniera e destinata a morte certa, ormai Anna è in balia di Torrisi, De Silva e Rachele Corvo e si salva per miracolo. Ferita e delusa per il fallimento del suo piano, Anna brancola senza meta cercando di rendersi invisibile a tutti. Intanto Tempofosco è  liberato fortunosamente dai colleghi della Squadra, e con loro, si mette alla ricerca affannosa di Anna, sicuro che stia correndo grossi rischi, ma, naturalmente la squadra arriva sempre tardi. Intanto il buon Vito capisce di essere stato tradito dall’amata Carmela che per amore del figlio Saro non esita a collaborare con i Corvo e, quindi, con la forte nipote  Rachele, che, ormai regina delle cosche e dei traffici, trova in De Silva un compagno quantomai  spregiudicato. Risponde  presente Calcaterra, sempre trasognato in balia dei suoi flashback, che ora si mette sulle piste della Ferretti, il magistrato colluso nell’affare Crisalide, fatto riparare all’estero dall’onnipotente De Silva.