Sicilia: a Mazara la preghiera per la pace dei popoli

SONY DSCCon una preghiera per la pace dei popoli nel pieno cuore della Kasbah di Mazara del Vallo un messaggio di fratellanza, unità, pace, dialogo e cooperazione fra i popoli si è levato in occasione della tre giorni di Blue Sea Land, l’Expo dei Distretti Agroalimentari del Mediterraneo, Africa e Medioriente. A recitare l’invocazione rotariana sono stati rappresentanti delle più grandi religioni monoteiste nella spianata compresa tra la Chiesa S. Francesco e la Moschea Ettakwa quella che è divenuta la “piazza blu”, la piazza del dialogo interreligioso e interculturale. Il Vescovo della Diocesi di Mazara del Vallo, Monsignor Domenico Mogavero ha salutato in particolar modo i rappresentanti della religione musulmana presenti: “Il fatto che una manifestazione laica promuova il dialogo interreligioso – ha sottolineato il Vescovo - è un segnale profetico. La via della pace è l’uomo. Ringrazio il Rotary e ringrazio in particolar modo Giovanni Tumbiolo che è l’anima del Blue Sea Land”. Il capo della comunità Bektashi dell’Albania, Baba Mondi: “voglio ringraziare gli organizzatori per questo momento significativo. Dobbiamo ricercare la pace nella quotidianità, il Signore da luce e pace a tutto”. L’Imam della Grande Moschea di Roma, Muhammad Hassan Abdulghaffar, prima ha ringraziato per l’invito Giovanni Tumbiolo: “lo considero –ha detto- l’Ambasciatore del Mediterraneo”. Poi ha voluto ribadire: “l’Islam è religione di pace e misericordia come le altre religioni. Nel Sacro Corano vi è scritto ‘che chi ammazza senza diritto è come se uccidesse l’intera umanità’. Chi ammazza nel nome dell’Islam e del Profeta Maometto non è islamico ma terrorista. Sbagliano pure quei giornalisti che identificano con l’Islam questi terroristi. Condanniamo il terrorismo e l’integralismo in tutte le sue forme. E’ sbagliato parlare del territorio in mano all’Isis definendolo ‘Stato Islamico’. Ha poi aggiunto: “Bisogna chiedersi invece: chi ha creato l’Isis? E per quali ragioni? Rifiutiamo la divisione del Medioriente ed il suo saccheggio, per la pace nel mondo bisogna stabilizzare il Medioriente. Chi distrugge il patrimonio culturale ed artistico è nemico della civiltà e del mondo”. Presenti anche l’Imam della Moschea di Catania e Presidente della Comunità Islamica di Sicilia Abdelhafid Kheit che ha detto: “la Sicilia sta lanciando messaggi importanti all’Europa. Questa terra è sempre un punto di incontro. È terra di ospitalità per tutti i popoli. Chiediamo da tempo alla Regione Siciliana ed al suo governo di creare un cimitero per i migranti morti in mare in modo da dare loro almeno nella morte la dignità che hanno perso da vivi”. E’ intervenuto anche Ahmad Abd al Majiid Macaluso responsabile siciliano della Comunità religiosa islamica. Dopo la recitazione della invocazione rotariana, tutti i partecipanti, compresi moltissime persone che hanno assistito alla cerimonia, si sono scambiati un saluto. Poi bambini, allievi di scuole siciliane. hanno portato ai relatori “la Carta dell’Acqua” (vedi allegato) un documento redatto e firmato dal Comitato Interpaese Italia–Tunisia del Rotary proprio in occasione di Blue Sea Land. Ad illustrane i principio ed i contenuti sono stati il Presidente del Distretto Pesca Giovanni Tumbiolo nella qualità di Presidente CIP Italia–Tunisia, e rappresentanti del Rotary di Tunisia, Mohamed Ghammam (Coordinatore CIP Tunisia) e Mario Giannola (Coordinatore Nazionale CIP Italia).