Santo Stefano di Canastra (Me): controlli straordinari nel week end, varie denunce

SONY DSCNel week end un ampio servizio di controllo del territorio è stato svolto dai Carabinieri di Santo Stefano di Camastra con l’intento di contrastare il grave fenomeno della guida in stato di ubriachezza o sotto l’effetto di stupefacenti. Con di tutte le componenti territoriali della Compagnia, i Carabinieri hanno dispiegato le forze lungo principali arterie di traffico e vie di accesso alla città ed i risultati non si sono fatti attendere. E’ stato denunciato per guida senza patente e per ricettazione, un pregiudicato del posto, di 20 anni, poiché sorpreso a bordo di un Peugeot Elyseo, non solo senza patente, ma con una targa che è risultata asportata anni prima a Santo Stefano di Camastra. Il motociclo è stato affidato in giudiziale custodia, mente il contrassegno, dopo essere stato sequestrato, è stato restituito al legittimo proprietario. 2 ragazzi di età compresa fra i 20 ed i 30 anni sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza. Pertanto, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Patti, con il conseguente ritiro della patente. Agli interessati, trovati con un tasso alcolemico che si aggira fra 1,35 ed 1,74, è stato impedito di continuare la guida ed i mezzi sono stati affidati a dei conoscenti dopo che, anche loro, sono stati sottoposti all’accertamento – con etilometro – al fine di appurarne la sobrietà. Nel corso dei controlli, inoltre, un giovane di 20 anni che viaggiava come passeggero a bordo di una macchina guidata da altri coetanei, è stato trovato, all’esito di una perquisizione veicolare, in possesso di 5 grammi di marijuana, così, da essere segnalato alla Prefettura di Messina quale assuntore di droga. Nel corso del servizio s’è proceduto, poi, all’intensificazione dei controlli nei confronti dei soggetti gravati da misure restrittive. A Cesarò, invece, un ragazzo di vent’anni trovato a bordo del proprio veicolo in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 20 cm. ed è stato denunciato alla Procura di Catania per possesso ingiustificato di arma bianca che gli veniva sequestrata a cura di quei Carabineri.