Reggio, ‘ndrangheta: il “re dei videopoker” accusato di ricettazione

Gioacchino CampoloIl prossimo 8 luglio il il cosiddetto ‘re dei videopoker’, Gioacchino Campolo si dovra’ presentare di fronte al giudice monocratico di Reggio Calabria per rispondere anche di ricettazione. Gioacchino Campolo gia’ condannato in via definitiva a 16 anni per estorsione aggravata dalle modalita’ mafiose e tuttora sotto processo per gioco d’azzardo, evasione fiscale e intestazione fittizia di beni. Fra i quadri confiscati all’imprenditore ultresettantenne, che aveva investito parte del suo immenso patrimonio in una collezione di dipinti dal valore inestimabile, c’e’ anche un olio su tela del pittore naif Norberto da Spello, sottratto al collezionista toscano Viero Camponovo nell’agosto del 1997.