Reggio, Caracciolo: “presentata interpellanza sulla riduzione dei fondi al comune”

palazzo san giorgio“Presentata a mia firma nella giornata di ieri un’interpellanza comunale a risposta scritta indirizzata al Sindaco Falcomatà per comprendere quali siano i suoi intendimenti in merito all’ormai nota approvazione dello scorso 15 ottobre dal parte del Consiglio dei Ministri della schema di legge di stabilità 2016 che ha stabilito la riduzione di 6 milioni di euro del contributo straordinario per Reggio Calabria. Le preoccupazioni sono davvero forti perché la riduzione delle somme comporterebbe inevitabilmente un ulteriore aggravamento della situazione economica cittadina, già fortemente provata”, scrive in una nota il consigliere comunale di Forza Italia Mary Caracciolo. “Negli ultimi cinque anni sono stati effettuati tagli dei trasferimenti erariali pari a più del 50 per cento, che hanno provocato l’aumento delle tasse locali. Una situazione – prosegue- che coinvolge già il sud in generale con una pressione fiscale arrivata al 2,48% contro 1,69% del centro-nord e che ancor più investe il nostro Comune per cui l’ingente riduzione dei trasferimenti ha causato enormi difficoltà, dettate dalla necessità di doverle recuperare comunque per garantire il livello dei servizi già assicurati. È pertanto necessario nell’interesse dell’intera città chiedere al Sindaco di esplicitare i propri intendimenti in merito attraverso gli strumenti politici preposti, visto che le mere rassicurazioni sui social contest piuttosto che in battute orali non sono sufficienti per una città che non riesce ad avere risposte concrete in termini di ripresa economica. Lo schema di legge di stabilità – aggiunge- sta approdando in questi giorni in Parlamento ragion per cui vi sono ancora i tempi per svolgere tutte le opportune battaglie. Di certo poco affidabili sono le dichiarazioni del Ministro Del Rio proprio a ridosso del Consiglio dei Ministri. Affermare infatti subito dopo la previsione di un taglio in una proposta di legge di stabilità tra le più populiste degli ultimi tempi che comunque le risorse vi sono fa sorgere dei quesiti spontanei: se le risorse vi sono perché porre il taglio ad hoc proprio per Reggio Calabria? Oppure, visto anche le immediate rassicurazioni, è opportuno pensare che al Governo piaccia togliere per poi immediatamente dare al fine di esaltare successivamente la riconquista del mal torto? Infine, nonostante sulla stampa purtroppo appaiano beghe e litigi interni al partito, mi preme sottolineare il lavoro concreto e obiettivo che quotidianamente dagli scranni dell’opposizione si svolge, attraverso un’attenta, vigile e critica analisi dell’operato di questa amministrazione e attraverso proposte e stimoli affinché si lavori per la Città, nonostante troppo spesso la maggioranza insegua e cerchi di difendere un Governo che mostra nei fatti concreti, nonostante le tante parole ben spese, di non avere interesse per il meridione in generale e per Reggio Calabria in particolare”, conclude.