Reggio, 600 ragazzi del Centro Sportivo Italiano sono stati premiati per l’attività sportiva della passata stagione

CSI (10)Seicento ragazzi da Taurianova a Gioiosa Jonica sono stati i veri protagonisti del “Gran Galà” del CSI Reggio Calabria. Foto, sorrisi e tante emozioni degli atleti del Centro Sportivo Italiano che sono stati premiati per l’attività sportiva della passata stagione. Dal basket alla pallavolo, da tutto il grande settore del calcio fino alla ginnastica ritmica: tutto il mondo sportivo reggino nella grande giornata di festa del CSI. Tra gli ospiti della serata premiati Andrea Lucchetta con il Paolo di Tarso per lo Sport:  ”speriamo che da questa serata  – ha spiegato il quattro volte campione del mondo di Volley - nascano in voi i più grandi sogni per la vostra vita nel mondo dello Sport e non solo”. “Dobbiamo anzitutto ricordare non solo i vincitori, ma tutti i vostri amici che non hanno vinto alcun trofeo, ma sono stati fondamentali per vivere delle giornate straordinarie di Sport”, spiega Lucchetta dando il cinque a tutti i ragazzi premiati da gigante trevigiano. Dopo Andrea Lucchetta, è stato il turno del Paolo di Tarso per il giornalismo sportivo al Vicedirettore di Rai Sport, Marco Civoli. “Dai Campioni del Mondo del 2006 a tutti i Campioni del cuore del CSI Reggio Calabria: mi verrebbe da dire che il cielo è arancio-blu stasera sopra questa splendida Città capace di sviluppare grandi progetti per gli sportivi”. Le premiazioni CSI hanno ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Ufficio “Sport e Tempo Libero” della CEI con i quali sono stati designati i vincitori dei “Paolo di Tarso” , ma anche i premi speciali su segnalazione dell’Area Welfare del Comitato Provinciale del CSI Reggio Calabria.

Sono stati insigniti, Tonino Meduri, storico dirigente sportivo CSI (6)reggino, con il premio alla carriera e il Sindaco di Sant’Alessio in Aspromonte, Stefano Calabrò. Per il Primo Cittadino del comune montano di 400 abitanti è stato comminato il riconoscimento di “Ambasciatore dello Sport Etico” per l’iniziativa di inclusione sociale coi giovani immigrati e con gli ex tossicodipendenti a cui il Comune ha regalato l’utilizzo dell’impianto sportivo per le proprie attività. ” Per noi è motivo di orgoglio essere premiati: da paese di ‘ndrangheta a paese dell’accoglienza. Per tutta la nostra comunità in realtà è stato naturale essere disponibili a chi è stato meno fortunato di noi. L’augurio è che questo nostro gesto si possa estendere a tutti i Comuni della nostra Provincia, perché tante sono le storie belle da raccontare”. Positivo il commento del Presidente Provinciale del CSI, Paolo Cicciù sulla serata presentata dal giornalista Vittorio Massa: “è stato davvero un grande momento per il nostro movimento; l’esperienza del Gran Galà è preziosa per noi dirigenti perché ci dona la giusta dimensione dei nostri sforzi. Vorrei ringraziare per la buona riuscita tutti i volontari del Comitato, una menzione particolare per Maria Sorrenti, Giovanni Dascola e Giuseppe Imbalzano che si sono spesi per rendere stupenda questa sesta edizione”.