Messina, smantellano l’Agenzia delle Entrate: i sindacati chiedono un intervento delle istituzioni locali

Cgil, Cisl e Uil sul piede di guerra: la deputazione non ha fatto nulla per modificare il provvedimento

bandiere-sindacatiLe categorie della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil denunciano la situazione venutasi a creare sul territorio messinese a seguito delle decisioni dell’Agenzia delle Entrate, in merito all’attuazione del D.L.66/2014, sulla riduzione delle spese per locazione. Le organizzazioni sindacali hanno tentato, senza fortuna, di lanciare un grido di allarme per le enormi ricadute sulla cittadinanza del territorio messinese.

Non abbiamo visto insieme a noi – in difesa degli interessi dei cittadini, della qualità dei servizi e dei lavoratori – le istituzioni locali e la deputazione messinese che al di là di qualche disponibilità di massima, non ha concretizzato nessuna  azione atta a fermare l’inutile chiusura di uffici decentrati dell’Agenzia delle Entrate. Quest’ansia di sopprimere gli Uffici Territoriali della DP di Messina ci sembra un vero attacco al territorio stesso” denunciano Clara Crocè, Francesco Fucile, Calogero Emanuele, Michele Li Volsi, Andrea Mangraviti e Alda Iudicelli. “Si smantella la Pubblica Amministrazione – continuano i sindacalisti -  alla faccia del disagio che crea ai cittadini contribuenti, che per assolvere gli obblighi fiscali saranno costretti a  sostenere maggiori oneri”.

Le segreterie lanciano un appello ai parlamentari messinesi e ai Sindaci dei territori interessati chiedendo un intervento presso la Direzione Generale a difesa del territorio.