Messina, poche persone e tante sigle: la manifestazione “No Tari” è un flop

Risultati magri per l’iniziativa anti-balzello: la contestazione ad Accorinti termina in un nulla di fatto

Foto tratta dai social-network

Foto tratta dai social-network

Se doveva essere una prova di forza, l’occasione per mandare un segnale di rottura all’Amministrazione, la manifestazione “No Tari” di ieri ha fallito i suoi obiettivi. Poche persone sono sfilate in Piazza Unione Europea per contestare le scelte della Giunta in merito alla definizione del balzello, a dispetto del servizio assai precario offerto da MessinAmbiente. Data la mobilitazione delle scorse settimane, è difficile negare un dato: in piazza c’erano quasi più sigle che manifestanti, segno di una scarsa capacità d’attrattiva da parte delle stesse realtà che guidavano la protesta. I promotori dell’iniziativa, però, non hanno voluto demordere rispetto al tema principale, contestando l’idea che i messinesi siano “limoni da spremere“: da qui la scelta di proseguire la battaglia con una diffida legale e, successivamente, con una class action, qualora Accorinti e Signorino non correggessero il tiro dei loro disegni.