Messina, Ospedale Piemonte. NCD esulta e ringrazia il ministro Lorenzin

Germanà e Garofalo rivendicano la bontà del progetto e incalzano l’Ars per l’adozione del disegno di legge

Beatrice_Lorenzin_1Il ddl Picciolo-Formica sulla fusione fra l’Ospedale Piemonte e il Centro Neurolesi Bonino Pulejo ha ottenuto il via libera da parte del Ministero, dopo una valutazione puntuale delle strutture, dei posti letto e dei servizi annessi. Da Roma è così arrivato il disco verde all’Assemblea Regionale Siciliana affinché possa procedere celermente nella direzione indicata: le assicurazioni fornite circa il mantenimento della mission fondamentale dell’istituto sono dunque state valutate congruamente. “Non mi stupisce ma mi compiace il fatto che la nostra proposta trasversale sia stata considerata la migliore possibile, nell’interesse prima di tutto delle esigenze dei messinesi. Finalmente a trionfare è il buonsenso: non una conquista di una parte politica ma la vittoria della città” ha sintetizzato il parlamentare Nino Germanà, sostenitore della prima ora del provvedimento. Sulla stessa lunghezza d’onda il deputato di Area Popolare Vincenzo Garofalo: “Come promesso dal Ministro Lorenzin, che nei giorni scorsi mi aveva dato ampie rassicurazioni in merito, il Piemonte non chiuderà battenti ma a Messina nascerà il più grande polo riabilitativo del Mezzogiorno d’Italia. Il risultato di oggi è un risultato straordinario. Un grazie – ha concluso l’ex candidato sindaco del centrodestra – va alla Lorenzin che ha gestito la vicenda con tempestività, attenzione e scrupolo cogliendo immediatamente la validità della nostra proposta volta a trasformare il rischio di chiusura in un’opportunità per il nostro territorio e ha immediatamente mandato i suoi esperti per verificare la fattibilità dell’ipotesi. Adesso la Regione faccia la sua parte affinché il progetto si realizzi nel più breve tempo possibile“.