Messina, interventi di riqualificazione del verde nelle aree di sosta e di servizio dell’autostrada

svincolo autostradale messina (5)Il Presidente dott. Rosario Faraci ed il Commissario Straordinario dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo) on. Francesco Calanna hanno oggi sottoscritto, presso gli Uffici del Consorzio Autostradale in Contrada Scoppo, il <Protocollo d’Intesa> con il quale il personale ESA provvederà alla sistemazione del verde nelle aree si sosta e di servizio, nei parcheggi, in ogni area non adibita alla circolazione, nonché nelle pertinenze dell’autostrada e degli immobili ovunque collocati nelle tratte autostradali Messina-Palermo e Messina-Catania. Gli interventi da eseguire in tempi rapidi riguarderanno la potatura di alberi nonché la decespugliazione delle siepi e della vegetazione su specifico piano operativo dell’Ufficio Opere in Verde del Consorzio. Una notevole iniziativa finalizzata ad assicurare costantemente le condizioni di decoro dell’ambiente, mantenere adeguati livelli di sicurezza della circolazione eliminando possibili pericoli ed intralci alla guida, nonché prevenire eventuali incendi alle proprietà dei fondi limitrofi. La proficua sinergia tra i due enti regionali – evidenziata nel corso della firma dai due Amministratori – scaturisce dall’art. 41, comma 3, della L.R. 9/2013 servirà, inoltre, ad attuare ulteriori risparmi economici al Consorzio tenuto all’azione di contenimento della spesa pubblica portata avanti dal Governo Crocetta con direttive e norme di spending review della Regione.

Dichiarazioni del Presidente Dott. Rosario Faraci

“Una importante iniziativa portata avanti in via sperimentale per migliorare il verde. La specifica qualificazione tecnico-operativa dell’ESA è sicura garanzia dei risultati. Cerchiamo ora di recuperare il tempo utilizzando una norma che ci facilita i compiti rispetto le lunghe procedure d’appalto e le autorizzazioni istituzionali talvolta in contrasto tra loro. Per quanto riguarda il verde lungo il tracciato d’asfalto (spartitraffico e margini laterali) si attende la conclusione dell’iter del grande appalto”.