Messina, emergenza idrica. Si muove il Codacons: chi ha sbagliato paghi i danni

Nel 2015 restare senza acqua è inammissibile: pronto l’esposto in Procura. Interruzione di pubblico servizio e omissione di atti d’ufficio le accuse alle autorità

acqua mancaNell’Italia del dissesto idrogeologico sempre più devastante è bastata una frana per causare la rottura della condotta dell’acquedotto di Fiumefreddo e lasciare a secco la città. Quella che sembrava la “solita” interruzione temporanea si è incredibilmente prolungata nel tempo, tanto da costringere alla chiusura scuole, uffici pubblici, negozi, paralizzando la vita quotidiana di migliaia di  persone. E i messinesi, di questa surreale situazione, hanno ancora una volta pagato il conto: costretti a sopportare lunghe attese per rifornirsi dalle (poche) autobotti, incolonnati con bottiglie e bidoni di fronte agli unici due punti di distribuzione del prezioso liquido, taglieggiati dagli sciacalli che hanno subito profittato della situazione per lucrare sulla drammatica mancanza d’acqua, hanno subito disagi inaccettabili e ingiustificabili.

AMAM_foto_Com.1_28-1015_Calatabiano_I_lavori_in_corsoFinita l’emergenza tuona il Codacons, che ha già presentato un esposto in Procura ipotizzando i reati di interruzione di pubblico servizio e di omissione di atti d’ufficio, chiedendo di verificare la sussistenza di presupposti di reato per la insufficiente gestione dell’emergenza per carenza idrica da parte degli organismi pubblici a ciò preposti, “atteso che la mancata adozione degli atti e provvedimenti utili ad assicurare un sollecito ripristino del servizio è avvenuta con la consapevolezza di turbarne la regolarità del servizio”, e con l’aggravante della estensione del territorio colpito da tale abuso e dal protrarsi di una situazione di gravità inaudita.

Ora la Procura dovrà ricercare a carico di chi sono le responsabilità per la “vergognosa” (per usare l’espressione utilizzata da Matteo Renzi) vicenda. Mancanze e lungaggini di ogni sorta, insieme all’assenza di fonti di approvvigionamento alternative, hanno trasformato un incidente tutto sommato circoscritto in una vera e propria emergenza collettiva, e per questo – spiega l’avv. Antonio Cardile  (Presidente provinciale del Codacons) – “l’associazione si è già attivata per la tutela dei messinesi, presentando una denunzia querela per interruzione di pubblico servizio e omissione di atti d’ufficio“.

sede amamNon solo: il Codacons sta raccogliendo la manifestazione d’interesse da parte dei cittadini messinesi che intendono ottenere il risarcimento per disagi patiti per una settimana. Tutti gli interessati da lunedì potranno inoltrare la pre-adesione all’azione direttamente dal sito internet www.codacons.it. In questo modo riceveranno, con la massima priorità, gli aggiornamenti e informazioni sulle ulteriori iniziative dell’Associazione, in modo da poter procedere alla richiesta di risarcimento dei danni subiti per una vicenda che non trova precedenti nella storia di una città da decenni alle prese con il cronico problema di fare arrivare l’acqua nei rubinetti delle case.

La vicenda non può finire nel dimenticatoio, conclude il Codacons. Siamo giunti al “redde rationem“: i soggetti chiamati ad intervenire nella vicenda dovranno rendere conto del proprio operato ai cittadini.