Messina-Catania: rischio nuovi smottamenti sull’A18

Il Governo regionale vorrebbe muoversi tempestivamente ma deve fare i conti con le riserve espresse dal personale del Genio Civile

frana letojanni3Il confronto è fitto, serrato. Le istituzioni regionali non possono restare a guardare: così Rosario Crocetta ha spronato i rappresentanti del proprio Esecutivo, chiedendo a Maurizio Croce e Giovanni Pizzo di valutare con la massima attenzione la situazione lungo l’A18. La frana registrata all’altezza di Letojanni non può paralizzare un’altra arteria della viabilità siciliana, fondamentale anche per i mezzi pesanti che devono attraversare l’isola. E tuttavia i rischi legati agli smottamenti non sarebbero finiti: il timore, dopo i sopralluoghi compiuti dai tecnici del Genio Civile, è che nuove parti del costone possano venire giù nelle prossime ore. Una situazione che il sindaco di Letojanni, Alessandro Costa, ha definito complessa, tenendosi costantemente aggiornato sugli sviluppi di questa faccenda. Non offre garanzia la strada statale sottostante, la quale – Capo Alì docet – non versa in condizioni sensibilmente migliori. E così, di pericolo in pericolo, il governo isolano deve muoversi senza remore ma con prudenza: un mix insolito, una formula ambigua, che l’Esecutivo non sa ancora come declinare.