Messina, approda all’Ars il ddl sul futuro dell’Ospedale Piemonte

Avviata la discussione generale al parlamento regionale: l’ipotesi che tiene banco è quella dell’accorpamento col Centro Neurolesi Bonino Pulejo

ospedale piemonte pronto soccorsoNel corso della seduta odierna del Parlamento Regionale è stata avviata la discussione generale sul ddl Picciolo-Formica. Il provvedimento concerne il futuro dell’Ospedale Piemonte e gli emendamenti da apportare al testo dovranno essere presentati entro e non oltre le 12 di domattina.

I Dr presenteranno un testo “pienamente esplicativo dei termini in cui verrà operata l’unione delle due strutture sanitarie messinesi, in particolare verrà dettagliatamente indicato il mantenimento del pronto soccorso del nosocomio di Viale Europa come struttura di emergenza-urgenza con tutti i reparti annessi funzionali ad una struttura di primo livello”. Lo afferma il capogruppo all’Ars on. Beppe Picciolo che ha inteso ribadire, unitamente all’on. Formica primo firmatario del DDL ed ai deputati Rinaldi e Grasso la volontà di far votare in aula un provvedimento che non lasci spazio a dubbi interpretativi di alcun genere.

Non lasceremo spazio agli equivoci e soprattutto alle voci sterili che in questi mesi hanno fin troppo giocato sulle parole mettendo a rischio il salvataggio di una struttura emergenziale che noi per primi consideriamo di vitale importanza per l’area dello Stretto. Il Piemonte dunque, come andiamo ripetendo da mesi, manterrà il Pronto Soccorso con tutti i servizi ad esso collegati  e sarà una struttura d’eccellenza che nessuno potrà etichettare con altri aggettivi. Lasciamo i termini calcistici – ha concluso Picciolo – al registro verbale sportivo, per la Politica che si sta battendo strenuamente e crede in questo disegno di legge i termini Serie A e serie B non hanno alcun significato, e ribadiamo che Messina manterrà il suo Pronto Soccorso all’Ospedale Piemonte con tutti i servizi e reparti collegati ad esso funzionale”.