Messina, accolto il ricorso di Vullo: l’ordinanza salva-Piemonte nel mirino del Tar

Il manager ottiene la sospensiva, ma la decisione dell’organo catanese non cambia la sostanza delle cose dopo il varo del ddl Picciolo-Formica

ospedale piemonte pronto soccorsoIl ricorso presentato dal direttore generale dell’ex azienda Papardo-Piemonte, il manager Michele Vullo, volto a contestare le irregolarità presenti nell’ordinanza sindacale varata per scongiurare la chiusura del pronto soccorso di viale Europa è stato accolto dal Tribunale Amministrativo Regionale. La terza sezione dell’organo ha così disposto la sospensiva dell’atto: una decisione, questa, che non compromette la funzionalità del punto, essendo stata varata la legge regionale, ma che dimostra il pressapochismo e la superficialità con cui si è mossa la Giunta in quelle ore. Frattanto la Uil, in perenne polemica col manager della sanità, ha inviato una lettera all’assessore regionale Baldo Gucciardi, chiedendo la rimozione di Vullo per incompatibilità ambientale. E’ l’ultima denuncia, in ordine di tempo, che il sindacato mette nero su bianco, dopo aver già presentato esposti all’Anac e all’ex esponente della Giunta Lucia Borsellino.