La Regione Calabria allo Smau 2015 di Milano

I GIOVANI CALABRESI ALLO SMAU DI MILANOLa Regione Calabria, ha aperto ieri, allo “Smau” di Milano, le tre giornate interamente alle nuove tecnologie, assieme ai suoi partner strategici “Calabria Innova” e “FincalabraS.p.A” e venticinque startup”. La Calabria – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – è stata tra i protagonisti del convegno inaugurale Smau Internazionale “Stati Generali dell’Innovazione delle Regioni Italiane” che segna ufficialmente l’avvio della cinquantaduesima edizione della manifestazione dove imprese e pubblica amministrazione si confrontano sulle nuove opportunità in tema di innovazione e ICT. Alla Tavola rotonda, curata da Alessandro Plateroti, Vicedirettore del “Sole 24 Ore”, la nostra Regione è intervenuta con il Dirigente generale del Dipartimento “Programmazione nazionale e comunitaria” Paolo Praticò, coordinatore della S3. Praticò ha illustrato i contenuti della rivoluzione digitale che sta ponendo in essere sul territorio laddove i maggiori “player” dell’ICT su scala mondiale, affiancati dai propri partner sul territorio, ed i referenti delle più dinamiche amministrazioni regionali italiane dialogano per accrescere il proprio patrimonio esperienziale e ampliare le conoscenze. Accanto al dirigente Praticò, vi erano l’Assessore alle Attività Produttive della Regione Emilia-Romagna, Palma Costi, l’Assessore alle Attività Produttive dell’Abruzzo,Giovanni Lolli, il Direttore di “Enterprise Vodafone”, Manlio Costantini, il “Regional Channel Manager” di “Google for Work”, DaryoushGoljahani, e l’Amministratore Delegato di “Hewlett-Packard”, Stefano Venturi. Le amministrazioni regionali hanno un ruolo fondamentale nel potenziamento dell’infrastruttura per la Ricerca e l’Innovazione ed hanno il compito di sostenere le imprese e la loro capacità di crescere sui mercati locali ed internazionali. La nostra Regione, nell’ambito della S3, la strategia di specializzazione intelligente, si sta dotando degli strumenti più efficaci per migliorare l’accesso alle tecnologie digitali delle PMI. Una vera e propria sfida sociale per disegnare un concreto percorso di sviluppo per il territorio, che passa attraverso l’impegno di consistenti risorse e una costante interlocuzione con il tessuto imprenditoriale calabrese. Allo “Smau 2015” con la Regione erano presenti, infatti, anche venticinque startup calabresi, nate nell’ambito del “TalentLab” del “Pisr Calabria Innova”, a cui viene offerta la possibilità di confrontarsi e realizzare sinergie con altre realtà in una piattaforma dall’elevato contenuto di knowhow.