La messinese Anna Schepis candidata al 66° Festival di Sanremo

Anna Schepis in primo pianoUna nuova promessa canora messinese si è candidata alla sezione “Giovani proposte” della sessantaseiesima edizione al Festival di Sanremo: si tratta della diciottenne Anna Schepis, studentessa liceale di Gualtieri Sicaminò, che con la sua voce profonda ed il suo volto solare sta mietendo successi nelle rassegne musicali in ambito regionale e nazionale. A spiegare siffatta designazione è intervenuto il cantante internazionale nonché vocal coach Orazio Rani, titolare della scuola canto “L’Usignolo”: “Abbiamo deciso di candidare Anna Schepis di concerto con la SILDN Records di Silvio Pacicca e Caterina Giordano di Reggio Calabria. Lo scorso dicembre abbiamo avuto un colloquio con Anna, la quale si è detta entusiasta dell’iniziativa. Il brano inedito, del quale non possiamo rivelare il titolo né il contenuto per motivi strategici, è stato composto da Pippo Sottile, autore molto noto nell’ambiente musicale locale. Anna Schepis è la fresca scoperta durante una serata in pizzeria insieme a Salvatore Lo Iacono ed è confluita nella nostra associazione. Finalista nazionale al Cantagiro, ha vinto il premio di artista rivelazione consecutivamente nelle edizioni 2014 e 2015”. Nell’anno in corso ha realizzato un videoclip del brano dal titolo “Un’altra volta amare” sulla piattaforma video VEVO e sui maggiori canali audio-video di musica italiana ed internazionale. “Ogni nostro artista ha le sue qualità, ma la scelta di Anna è stata suggerita da un grosso produttore della musica italiana. – ha sottolineato il noto talent scout – Le sue qualità sono imperniate sulla profonda vocalità per il timbro caldo e sulla forza d’animo in grado di fare intuire i sentimenti esternati durante le sue performance. Mi auguro che ce la faccia ad entrare almeno fra i sessanta finalisti nazionali”. Molto entusiasmo sprizza Anna Schepis: “Sono rimasta piacevolmente stupita per la propizia occasione propostami. – ha palesato la giovanissima artista – Tentare non nuoce e per questo cerco di essere positiva. Apprezzo la musica in generale, ma la pop music è la preferita e mi ispiro ad alcuni brani di Riccardo Cocciante ed Eduardo De Crescenzo. La musica mi coinvolge e non potrei mai concepire un mondo senza di lei. Mi piacerebbe fare la cantante professionista, ma so che non si vive di soli sogni, nonostante questi colorino il mondo ed offrono un senso alla nostra esistenza. L’auspicio sarebbe l’approdo sul palcoscenico del teatro Ariston, ma, se ciò non fosse, sarà sta comunque un’esaltante ed interessante esperienza”. Fa sempre piacere che una giovanissima siciliana si scommetta in un agone nazionale prestigioso, il quale costituirà, a prescindere dall’esito, una vetrina di tutto rispetto per chi vuole coltivare l’arte canora in tutte le sue forme e manifestazioni.

Rodrigo Foti