Giovane uccisa in Sicilia: un sms ha tradito l’ex convivente

LaPresse/Andrea Di Grazia

LaPresse/Andrea Di Grazia

Un sms inviato dal telefono di un passante al padre con scritto ‘Sono a Milano, sto partendo’, ha tradito Antonio Luca Priolo, 24 anni, reo confesso dell’omicidio di Giordana Di Stefano, l’ex convivente di 20 anni e madre di sua figlia. Priolo ha contattato il padre che pero’, in caserma, ha riferito ai carabinieri il contenuto dello stesso messaggio. Sono i retroscena che hanno portato alla cattura dell’omicida svelati in conferenza stampa dai vertici della Procura Etnea e dei carabinieri. Dopo essere venuti a conoscenza dell’sms, i militari dell’Arma di Milano, informati dai colleghi catanesi, hanno localizzato Priolo e lo hanno fermato alla stazione ferroviaria mentre stava aspettando di prendere un treno in partenza per Lugano. Il giovane aveva raggiunto il capoluogo lombardo in treno, dopo avere lasciato l’auto con cui stava fuggendo, una Chrysler Spark Bianca, alla stazione di Messina.