E’ il carabiniere Giampiero Scalercio la 20^ vittima del 2015 sulla SS106

Il carabiniere Giampiero Scalercio è deceduto dopo 19 giorni dall’incidente sulla SS106

incidente ss106L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” con profondo sincero dolore ed infinita tristezza rende nota l’ennesima tragedia sulla S.S.106. Giampiero Scalercio di 50 anni, originario del cosentino e carabiniere in servizio presso la caserma di Cirò Marina, è morto in ospedale esattamente diciannove giorni dopo l’incidente stradale avvenuto lo scorso 21 settembre in un frontale sulla “strada della morte” nei pressi di Cutro in provincia di Crotone.
Il militare era rimasto coinvolto a bordo della sua Ford Focus mentre viaggiava in direzione Catanzaro. Nell’impatto erano rimaste ferite tre persone e proprio Giampiero era stato estratto dall’abitacolo dai vigili del fuoco e consegnato alle cure dei sanitari del 118 per essere trasportato all’ospedale di Crotone, riportando fratture multiple. Si è spento ieri mattina intorno alle 11:00, lascia la moglie e due figli. Il sindaco di Cirò Marina, Roberto Siciliani, ha annunciato che il giorno del suo funerale le bandiere del Comune saranno esposte a mezz’asta in segno di lutto.
L’Associazione nel ringraziare il sempre ottimo e qualificato giornalismo professionale de “IlCirotano.it”per aver seguito con costanza la tragica vicenda informando tutti i calabresi dell’accaduto intende ricordare cheGiuseppe Scalercio è la ventesima vittima della S.S.106 in Calabria dall’1 gennaio 2015 dopo Claudio Modafferi (di 33 anni), Giuseppe Alosa (60 anni), Maddalena Bandi (72 anni) ,Matteo Brigandì (38), Giuseppe Leonardo Farini (47), Sing Jaswinder (36) Antonio Pugliese (24), Paolo Foti (59), Ilaria Geremicca (22), Maria Grillone (61), Francesco Paparo (24), Giovanni Zappavigna (57), Malena Simona (45), Nicastro Maria (81), Grasso Caterina (93), Malena Giuseppe (79), Luigi Caliò (90), Giuseppe Petitto (45) e Gaetano Aiello (80).
Sulla famigerata e tristemente nota “strada della morte” in Calabria, dall’uno di gennaio 2015 fino ad oggi, abbiamo esattamente una vittima ogni 14 giorni ed a ciò dobbiamo aggiungere centinaia di feriti i quali, non pochi, dopo l’incidente resteranno per sempre con danni permanenti. Pertanto l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” nell’evidenziare l’ennesima tragedia sull’asfalto della strada più pericolosa d’Italia intende denunciare le responsabilità di quanti restano ancora indifferenti di fronte alla più grande Strage di Stato della storia della Repubblica Italiana.
L’ennesimo tragico incidente sulla S.S.106 ci spinge con più forza a continuare la nostra battaglia di civiltà “NO S.S.106 – NO VOTO” affinché il numero maggiore di calabresi possa decidere liberamente di non votare per le elezioni governative. L’Associazione, infatti, ritiene che non sussistano in Calabria le condizioni per partecipare alla vita democratica di uno Stato assassino che uccide i calabresi sulla S.S.106 tramite l’indifferenza, l’irresponsabilità e l’incapacità di agire per porre un rimedio concreto alla più grande Strage di Stato della storia italiana attuando un programma serio e determinato di ammodernamento e messa in sicurezza della “strada della morte”.
Alla classe politica dirigente calabrese ad ogni livello, quindi, esterniamo il nostro più vivo disprezzo per la incapacità di fronteggiare un problema gravissimo ed ormai improcrastinabile ed, insieme, la nostra condanna ferma per aver voluto da sempre occultare un problema che emerge ogni giorno nella sua drammaticità.
L’Associazione sinceramente e profondamente addolorata per la scomparsa di Giuseppe Scalercio manifesta ai familiari, ai parenti, agli amici ed a tutti i colleghi della Benemerita i sentimenti di profondo cordoglio e si associa al lutto dei familiari.