Cosenza: due arresti per l’omicidio del piccolo Cocò

I due indagati, di cui non sono stati ancora resi noti i nomi, devono rispondere del triplice omicidio di Giuseppe Iannicelli, della compagna marocchina Ibtissam Touss, e del nipotino dell’uomo, Nicola “Cocò” Campolongo

cocòArrestati dai carabinieri del Ros due presunti autori dell’omicidio del piccolo Cocò Campolongo, il bambino di soli 3 anni ucciso e bruciato in un’auto a Cassano allo Jonio, insieme al nonno e alla sua compagna, il 16 gennaio 2014.  Gli arresti sono stati compiuti stamani dai carabinieri del Ros e da quelli del comando provinciale di Cosenza che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dalla procura distrettuale antimafia di Catanzaro.

cocoI due indagati, di cui non sono stati ancora resi noti i nomi, devono rispondere del triplice omicidio di Giuseppe Iannicelli, 52 anni, della compagna marocchina Ibtissam Touss, di 27, e del nipotino dell’uomo, Nicola ‘Cocò’ Campolongo, di soli tre anni. I loro cadaveri furono trovati carbonizzati all’interno di un’autovettura: le indagini accertarono che i tre furono uccisi con diversi colpi di pistola. Successivamente i corpi furono bruciati.