Comune calabrese approva la realizzazione di un cimitero per le vittime dei naufragi

 Disponibilità di Regione Calabria e Comune di Tarsia per la realizzazione di un cimitero per le vittime dei naufragi

LaPresse

LaPresse

La giunta del Comune di Tarsia, nel cosentino, ha approvato il documento preliminare per la realizzazione del cimitero per le vittime dei naufragi nel Mar Mediterraneo. L’iniziativa e’ stata ideata e promossa dal leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che ha poi trovato la disponibilita’ per la realizzazione del Comune di Tarsia e della Regione Calabria. Il cimitero sorgera’ su un’area di novemila metri quadrati e sara’ diviso in due sezioni, una comunale e l’altra per i migranti vittime di naufragi, con sepoltura a terra e in loculi. “Abbiamo proposto – ha specificato il sindaco di Tarsia Roberto Ameruso – che la parte destinata alle vittime del mare abbia una connotazione laica, quindi senza simboli religiosi. Riteniamo sia un atto di umanita’ pura e vogliamo rispettare le vittime”. Per la realizzazione del progetto e’ previsto un investimento pari a 4 milioni di euro. Il documento dopo l’approvazione in Consiglio comunale, sara’ presentato al Consiglio regionale e al ministero degli Interni.