Basket A2, nemmeno il blackout del PalaCalafiore ferma la Viola: i neroarancio ritrovano… Mordente

Si conclude la terza giornata di basket per la Bermè Viola Reggio Calabria, successo contro Scafati e seconda vittoria consecutiva

12112940_10207054225546947_1185889013_oSeconda partita in casa per la Viola Bermè Reggio Calabria che al PalaCalafiore affronta Scafati in un match tra due squadre in lotta per obiettivi d’alta classifica. La squadra di Benedetto ha ritrovato fiducia dopo il successo esterno contro Omegna, per gli ospiti invece percorso netto dopo le prime due giornate. I neroarancio si affidano al talento di Freeman, alla gestione di Spinelli e ad un super Crosariol, l’obiettivo è quello di recuperare dal punto di vista della condizione Mordente e Brackins che in questo inizio sono sembrati sottotono. Scafati è una squadra di prima fascia, l’uomo più pericoloso è Mayo, può risultare decisivo anche Simmons.

12171049_10207054228387018_839119407_oLA GARA – Partenza importante per gli ospiti che piazzano subito un parziale di 0-5, il primo canestro neroarancio porta la firma di Brackins, Ghersetti avvicina la Viola prima del nuovo break ospite firmato Mayo e Loschi. Si sblocca Spinelli ma ancora Simmons è pericolosissimo, un canestro di uno stratosferico Crosariol chiude il primo quarto sul punteggio di 14-20. Il secondo quarto si apre ancora con un canestro di Crosariol, la Viola fa la voce grossa in difesa e riesce a riportarsi sotto con una tripla di Lupusor, Simmons ancora pericolosissimo dalla lunga. Un blackout (tecnico) ferma la rimonta della Viola, lunga pausa prima di ritornare sul parquet, Freeman porta la Viola sul -1, Simmons e Ghersetti non sbagliano, si va all’intervallo lungo sul punteggio di 34-35.

12168723_10207054301788853_1758784480_oPrimo canestro della ripresa firmato da Freeman, sempre più decisivo per gli schemi di Benedetto, Scafati prova a non fare scappare i padroni di casa ma finalmente Mordente si sblocca da tre punti e firma il 42-35. Gli ospiti fanno fatica dalla lunga distanza, Freeman ne approfitta e porta la sua squadra sul +4 al 24′. Spizzichini suona la carica per Scafati e porta gli ospiti al sorpasso (45-47), fallo tecnico per Freeman che sembra complicare la situazione della Viola. Una grande giocata Spinelli-Crosariol sblocca i neroarancio, il play della Viola continua a deliziare il pubblico, Mayo gela il PalaCalafiore, il terzo quarto termina sul punteggio di 51-57. Lupusor è infallibile da tre punti, la Viola sembra efficace in difesa e Crosariol sotto canestro è davvero devastante. Ancora Mordente da tre e Rullo si sblocca: per la Viola è nuovo vantaggio che porta il PalaCalafiore ad infiammarsi. La Viola non sbaglia più niente e conquista due punti importanti, 81-70 il punteggio finale.

IL COMMENTO FINALE – Nemmeno il blockout del PalaCalafiore ferma la Viola che conquista la seconda vittoria consecutiva e ferma Scafati, imbattuta dopo le prime due giornate. Ancora sugli scudi Freeman e Crosariol sempre più determinanti per la squadra di Benedetto, in leggera ripresa Mordente ma ancora lontano dagli standard che aveva abituato nelle scorse stagioni. Stesso discorso anche per Brackins, le qualità non mancano ma la condizione non è ancora ottimale.

VIOLA-SCAFATI 81-70

VIOLA: Freeman 19, Rullo 5, Ghersetti 5, Brackins 5, Spinelli 2, Costa, Lupusor 14, Mordente 9, Crosariol 22

SCAFATI: Crow 4, Rezzano 11, Mayo 21, Simmons 13, Loschi 9, Spizzichini 11, Portannese, Melillo, Baldassarre, Matrone 1