Adesso è ufficiale: a Gioia Tauro la fabbrica della nuova auto super-tecnologica

L’accordo prevede un investimento di oltre cento milioni di euro per la realizzazione di un impianto per la produzione di auto che creera’ in Calabria e in Puglia oltre mille nuovi posti di lavoro, di cui oltre 600 a Gioia Tauro

AutoE’ stato sottoscritto questa mattina, a Roma, il protocollo d’intesa tra il ministero dell’Economia, rappresentato dal ministro Federica Guidi, la Regione Calabria, rappresentata dal presidente Mario Oliverio, la Regione Puglia, rappresentata dal presidente Michele Emiliano e dall’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri. L’accordo prevede un investimento di oltre cento milioni di euro per la realizzazione di un impianto per la produzione di auto che creera’ in Calabria e in Puglia oltre mille nuovi posti di lavoro, di cui oltre 600 a Gioia Tauro. “La sottoscrizione di questo protocollo d’intesa tra la nostra Regione, il ministero dell’Economia, la Regione Puglia ed Invitalia per la realizzazione di una fabbrica di auto attraverso un investimento di oltre cento milioni di euro a Gioia Tauro e a Modugno in Puglia – ha detto il presidente della Regione, Mario Oliverio – e’ un risultato rilevante e significativo per le nostre regioni e per tutto il Mezzogiorno. Nel piano industriale presentato dagli investitori sono previsti oltre mille posti di lavoro dei quali oltre 600 saranno creati a Gioia Tauro a conclusione dei tre anni previsti per il completamento dell’attivita’ produttiva dell’impianto. Devo ringraziare la presidenza del Consiglio dei ministri ed il ministro Guidi che, per conto del governo, ha seguito di persona l’intero percorso che ha consentito di pervenire a questa conclusione positiva e Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, che ci ha accompagnato sin dall’inizio con i dirigenti della struttura, il management di Lcv che ha scelto di investire nella nostra regione.

Auto (1)Con questo investimento si apre una pagina di politica industriale importante per Gioia Tauro e per la Calabria. Su questa linea e’ necessario continuare a lavorare per ricercare nuovi investitori e creare nuove opportunita’ produttive e di lavoro nella nostra regione e nel sud. La Calabria ed il Mezzogiorno – ha concluso Oliverio – possono costruire una prospettiva di sviluppo e di lavoro se ripartono gli investimenti, anche ed in primo luogo nelle attivita’ industriali. Entro 60 giorni da oggi, data della firma del protocollo, su questo investimento sara’ definito l’accordo di programma, che sara’ sottoscritto dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, dai due presidenti di Regione, Oliverio ed Emiliano e dall’amministratore delegato di Lcv”.