Vicenda Lia Staropoli: Aldo Pecora chiede le dimissioni del Sindaco di Limbadi

Il post su facebook di Aldo Pecora sulle vicende relative a Lia Staropoli e il Sindaco di Limbadi

Aldo PecoraLimbadi (VV) è da sempre la roccaforte del clan Mancuso, una delle più forti e camaleontiche consorterie di ‘ndrangheta. E questo lo dice purtroppo la storia, non Aldo Pecora. Non è colpa di Lia Staropoli e di Ammazzateci Tutti – movimento antimafie, come dicono alcuni, se i bar chiudono o se ci sono auto di Carabinieri e Polizia a pattugliarne le strade. Anzi, forse sono sempre troppo poche. Ma la cosa ancora più grave è che addirittura il Sindaco di quel comune, anziché esprimere vicinanza a Lia e a quei giovani cittadini che cercano di far cambiare le cose a Limbadi, li attacca e tenta di delegittimarli. Ci ho riflettuto molto, e credo che l’unica cosa sensata che il Sindaco di Limbadi possa fare è dimettersi. E poi magari, solo dopo aver restituito dignità a quella fascia tricolore che non merita di indossare, chiedere scusa“. Con questo post su facebook Aldo Pecora, leader del movimento Ammazzateci Tutti, ha chiesto le dimissioni del Sindaco di Limbadi dopo le note vicende che hanno interessato l’attivista antimafia Lia Staropoli.