Soverato (Cz): concluso il concorso “estemporanea di pittura a tema libero figurativo ed astratto”

Rotary (4)Si è conclusa nella giornata del 30 agosto 2015 con l’esposizione delle opere l’estemporanea di Pittura organizzata dal Rotary Club di Soverato. La manifestazione rientra tra le attività culturali di servizio che il Rotary esercita sul territorio locale. Il presidente del Rotary Club, Nicola Lombardo, con il supporto di tutti i soci dello stesso, hanno invitato artisti provenienti da ogni angolo della Regione e anche alcuni artisti fuori regione. Antonio Oliva è il vincitore dell’estemporanea di pittura organizzata dal Rotary Club di Soverato. Si è conclusa nella giornata del 30 agosto 2015 con l’esposizione delle opere l’estemporanea di Pittura organizzata dal Rotary Club di Soverato. La manifestazione rientra tra le attività culturali di servizio che il Rotary esercita sul territorio locale. Il presidente del Rotary Club, Nicola Lombardo, con il supporto di tutti i soci dello stesso, hanno invitato artisti provenienti da ogni angolo della Regione e anche alcuni artisti fuori regione. Nutrita è stata l’adesione per cui il concorso ha visto impegnati i seguenti pittori: Maria Giovanna Pisilli (Amendolara); Antonella Abbruzzese, Egidio Badolato, Rosanna Castagna, Antonio Gaudioso, Marta Guida, Anna Yvonne Leone, Giovanni Martino, Tiziana Montalcini, Rosalba Russo (Catanzaro); Valeria Badolato, Claudia Iozzo, Francesco Tino (Chiaravalle Centrale); Angela Loprete (Girifalco); Manuela Starvaggi (Locri); Giuseppe De Franco, Rocco Regina (Mormanno); Francesco Mangialardi (Mileto); Domenico Mauro (Prato); Elisa Commisso, Domenico Meduri, Alessandro Vitale Allegra (Reggio Calabria); Antonio Oliva (Rende); Maria Alampi, Vittoria Camobreco, Vincenzo Musmeci (Soverato); Ercole Fortebraccio, Antonio Fortebraccio (Vibo Valentia); Maria Idotta (Villa San Giovanni); Valery Palamarciuk (Ucraina).

Il tema della manifestazione era libero per cui gli artisti si sono cimeRotary (1)ntati con opere figurative o astratte sulla base di una ispirazione creativa suscitata dai luoghi della perla dello jonio. Il vincitore è stato Antonio Oliva da Rende che ha realizzato un’opera di grandi dimensioni sulla base della corrente pittorica cui appartiene che è quella dell’espressionismo dinamico; l’opera raffigura una Soverato che coniuga alle bellezze paesaggistiche del suo mare e del suo golfo una dimensione cinetica e futuristica; il risultato è quello non di una Soverato retro e da cartolina ma di una città che deve impossessarsi del suo futuro salvaguardando il meglio del suo presente; una città che dal turismo, in un’ottica moderna e avanguardistica, può trovare momenti esaltanti di un rilancio economico ma anche culturale. Pennellate veloci, scelte cromatiche ben armonizzate hanno permesso la realizzazione di un magnifico quadro di una Soverato possibile. Al secondo posto si è classificato Domenico Mauro da Prato che invece in maniera antitetica al vincitore Oliva ha ripreso uno storico palazzo Gregorace di Soverato che domina una città moderna con le sue contraddizioni, una sintesi di una soverato antica in cui si mescola una gioventù da maturare. Al terzo posto si è classificato Ercole Fortebraccio da Vibo Valentia che ha realizzato un’opera moderna attuale, in cui sullo sfondo di una mescolanza casuale di cromatismi emerge prepotente un grande cuore sovraimpresso dal cavalluccio marino simbolo della città e del suo parco marino. La giuria presieduta dal presidente del Rotary Club di Soverato – Distretto 2100, Nicola Lombardo, e volutamente costituita da soli soci rotariani estranei al sistema arte, con il desiderio di eeguire valutazioni libere sulla base di una personale concezione del bello artistico, ha ritenuto quindi che i tre artisti abbiano saputo interpretare il fervore culturale di una città che vuole esprimere il suo ruolo in un’area a grande vocazione turistica e nello stesso tempo hanno lanciato un grande messaggio di integrazione antico moderno da cui la società civile deve trovare le grandi risorse per costruire un futuro che attragga i suoi figli e non li allontani dalle proprie origini. La bella partecipazione di pubblico che ha ammirato le trenta opere esposte nella piazzetta Don Gnolfo di Soverato testimonia la sete di grandi eventi culturali che la città desidera. Il Rotary nell’anno di presidenza di Nicola Lombardo procederà su questa linea che serve a delineare percorsi di crescita culturale del nostro territorio, senza trascurare lo spirito di servizio che lo contarddistingue. Infatti, non bisogna trascurare che un’operazione culturale di questo tipo ha consentito di realizzare un prezioso contributo di circa 1000 euro che il Rotary Club di Soverato verserà alla Rotary Foundation per la campagna di eradicazione della poliomielite. End Polio Now è, in effetti, il fiore all’occhiello dell’azione propositiva del Rotary International che da diversi decenni è impegnato a raccogliere risorse da destinare all’eradicazione della malattia dal pianeta. Il Rotary International ha raccolto e investito nel corso di questi decenni più di un miliardo di euro per l’eradicazione della malattia da circa il 98 % delle aree del pianeta terra. Mancano alcuni mesi al raggiungimento del successo finale e la manifestazione artistica del Rotary di Soverato ha consentito oltre che realizzare un importante momento culturale della città anche la raccolta di un piccolo ma significativo contributo all’eradicazione della malattia.

Maria Luisa Iezzi